Frammenti di un aereo della compagnia Norwegian diretto a Los Angeles atterrato in emergenza al Leonardo da Vinci, sono caduti su tetti ed alcune auto nella zona di Fiumicino, subito dopo il decollo dall’aeroporto. Non ci sono stati feriti ma alcune auto hanno subito leggeri danni ai vetri. Sul posto carabinieri, polizia, vigili urbani e protezione civile. Secondo le testimonianze dei cittadini scesi in strada preoccupati in strada i frammenti di alcuni centimetri, il più grande 5-10 centimetri sono caduti alle 16.46.

Secondo una prima ricostruzione, il problema per il Boeing 787 della Norwegian è stato ad un motore. L’aereo era decollato da pochi minuti da Fiumicino con 298 passeggeri a bordo. Il guasto ha costretto il comandante a tornare indietro pochi minuti dopo il decollo. Il mezzo è comunque atterrato senza problemi, alla presenza dei mezzi di soccorso e dei vigili del fuoco schierati a bordo pista, come previsto in questi casi, pronti ad intervenire in caso di necessità. I passeggeri a quanto si è appreso sono stati fatti scendere normalmente dal velivolo, che ora è in fase di ispezioni da parte dei tecnici. L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ha disposto l’invio di un proprio investigatore per un sopralluogo.

“Un uomo è stato sfiorato da un oggetto incandescente a Isola Sacra, per fortuna si è solo spaventato e non è stato ferito, altri frammenti hanno colpito le macchine. Le verifiche sono in corso, poteva andare molto peggio”, ha raccontato all’Adnkronos il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino. “Gli aerei passano a poca distanza dalle case a Isola Sacra, Coccia di Morto, Fregene, bisogna fare un punto serio di fronte a questa situazione, serve un tavolo per decidere cosa fare e stilare nuove regole”, ha concluso il primo cittadino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Richard Gere: “Persone a bordo della Open Arms hanno toccato il mio cuore. Vengono dall’inferno, donne tutte stuprate”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Diabolik, la moglie contro i funerali privati: “Mio marito non era un mafioso”

next