Fino a 3 milioni di dollari all’anno. È la cifra che, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, Facebook offre ai media per acquistare i diritti per la pubblicazione dei loro contenuti in una nuova sezione della sua piattaforma, che il social network si augura di poter lanciare entro la fine dell’anno, forse già in autunno. Il quotidiano finanziario Usa cita alcune fonti secondo le quali il social network ha già contattato i rappresentati di varie testate, dallo stesso Wall Street Journal a Bloomberg, dal Washington Post a Abc.

I piani di Facebook arrivano mentre la società sta affrontando numerose critiche per aver assorbito la maggior parte della pubblicità digitale. E anche Google, uno dei maggiori rivali di Facebook, è stata accusata di non avere pagato i media per i titoli e le anteprime delle storie all’interno nel suo motore di ricerca.

Secondo la società di ricerche eMarketer, lo scorso anno Facebook e Alphabet Inc. Google hanno infatti incassato il 60% di tutte le entrate pubblicitarie digitali negli Stati Uniti. Il presidente esecutivo di News Corp, Rupert Murdoch e l’amministratore delegato di BuzzFeed, Jonah Peretti, avevano entrambi invitato i due colossi del web a pagare chi fornisce notizie di qualità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

“Perché ha mentito su Savoini?”. Salvini dà del maleducato al solo giornalista che gli fa domande

next
Articolo Successivo

Fq Millennium, Gomez presenta il numero di agosto: “Vi raccontiamo tangenti alla francese”

next