Mentre pulivano il loro acquario dei pesci, hanno respirato a loro insaputa la seconda tossina più letale del mondo e per questo un’intera famiglia ha rischiato la vita ed è finita ricoverata in quarantena. È quanto successo nel Regno Unito a Katie Stevenson, 34 anni, al marito Mark e alle loro tre figlie che hanno dovuto trascorrere 48 ore in camera iberbarica mentre la loro casa è stata sigillata e disinfestata da una squadra dei vigili del fuoco specializzata in sostanze tossiche. Il gruppo stava infatti pulendo l’acquario marino che tiene in casa con alcuni pesci e anche dei coralli, quando forse per una manovra improvvisa, ha scatenato la reazione proprio dei coralli che hanno rilasciato così la palitossina, una sostanza chimica altamente tossica rilasciata dall’organismo vivente quando viene attaccata.

“Siamo andati in vacanza e al nostro ritorno abbiamo trovato tre pesci morti, quindi abbiamo deciso di sbarazzarcene – ha raccontato la donna al Daily Mail -. Abbiamo svuotato completamente il serbatoio e lo abbiamo lavato. Nel farlo abbiamo però strofinato anche il corallo, con l’idea di pulirlo, ma questo invece ha rilasciato così la tossina. Al momento non ne sapevamo niente. Circa 10 minuti dopo aver pulito il serbatoio, ho iniziato ad avere una tosse molto secca. Ho detto a Mark ‘Ho il mal di gola in arrivo’, e lui mi ha detto la stessa cosa. Dopo un’ora abbiamo iniziato a provare brividi davvero gravi. Il mio battito cardiaco era salito alle stelle e la mia temperatura era molto alta, sopra i 42 gradi. Abbiamo chiamato il 111 e hanno inviato un’ambulanza. È stato terrificante. I paramedici che venivano a prendermi indossavano delle maschere. L’intero quartiere era stato isolato. Ci hanno detto che se fossimo andati a dormire anziché chiamare subito i soccorsi, non ci saremmo più svegliati”.

Katie è stata la più colpita, seguita da Mark e dalle loro tre ragazze Lacey, 11 anni, Taleisha, 7 e Skyla, un anno. Né lei né il marito avevano idea che il corallo nella loro vasca fosse potenzialmente letale: “Abbiamo avuto questo acquario per 12 mesi e abbiamo sempre tenuto il corallo sott’acqua. Quando lo abbiamo comprato non ne avevamo idea: non ti danno avvertimenti o cose del genere”, ha detto ancora Katie. “Dovresti essere informato delle tossine in modo da poter sapere cosa stai toccando e come pulirlo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Febbre alta e mal di testa: hostess di 25 anni muore 3 giorni dopo esser stata punta da una zanzara

next
Articolo Successivo

Si baciano appoggiandosi alla ringhiera di un ponte ma perdono l’equilibrio: coppia muore dopo volo di 15 metri

next