“Mi hanno detto che imbianca le case?”. “Sì signore”. Lo scambio di battute tra Robert De Niro/il killer Frank Sheeran e Al Pacino/Jimmy Hoffa in The Irishman è fulminante. E anche se Martin Scorsese ha snobbato il Festival di Venezia per un’anteprima più casalinga come il New York Film Festival a fine settembre, il teaser trailer del suo ultimo film disponibile online da oggi fa venire egualmente l’acquolina in bocca. Teaser confezionato davvero con grande maestria. Montaggio rapidissimo, un commento sonoro galoppante di pura suspense, e tre quattro pennellate sulla trama che lasciano occhi e orecchie appiccicate allo schermo. 

Un’insegna da ristorante italiano in esterno notte, subito un fraseggio intimissimo a tre De Niro-Joe Pesci-Al Pacino, scarto su almeno tre quattro set con scene di massa e tanta violenza appena accennata contro persone e oggetti: l’epopea scorsesiana tra dopoguerra e anni settanta, all’inseguimento della verità sul caso Hoffa, ambiguo leader sindacale newyorchese, sembra pulsare di ammazzamenti e scarti improvvisi della macchina da presa alla Quei bravi ragazzi, apparentemente senza l’introspettiva sacralità spirituale alla Paul Schrader. The Irishman è costato oltre 200 milioni di dollari e lo distribuirà Netflix molto probabilmente a fine autunno 2019. Inutile dire che l’attesa è tanta. E che se il film fosse stato a Venezia sarebbe venuto giù il Lido. Scorsese regista sembra in forma. Pesci, Pacino e perfino un Harvey Keitel imbolsito sembrano altrettanto. Infine De Niro sembra caricarsi il peso di parecchio film con un ritorno al suo classico personaggio da gangster efferato e senza scrupoli. Incrociamo le dita. Potrebbe essere un capolavoro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pinocchio, ecco la prima fotografia del burattino di Collodi secondo Matteo Garrone

prev
Articolo Successivo

Anche quest’anno noi Cinematti abbiamo stilato la nostra classifica dei film

next