Una placca chirurgica di metallo, di quelle utilizzate in ortopedia, lunga 10 centimetri e prodotta in Svizzera, è stata ritrovata nello stomaco di un coccodrillo del Queensland, in Australia. La placca, con sei viti in acciaio inossidabile, è stata scoperta per caso dai proprietari della Koorana Crocodile Farm, che avevano disposto l’autopsia sulla carcassa per chiarire le cause della morte del rettile – lungo oltre 5 metri – deceduto un mese fa dopo uno scontro con un suo simile.

L’ipotesi è che il pezzo di metallo possa essere appartenuto a una delle vittime del rettile che, prima di finire alla Koorana Crocodile Farm, ha vissuto per molti anni in libertà. “La placca è un vecchio modello. Potrebbe essere stata lì per decenni, anche 50 anni“, ha spiegato l’allevatore John Lever, come riferisce il Guardian. “Non era rimasto nulla nello stomaco che potesse fornire indizi sull’identità di una possibile vittima“, ha aggiunto precisando che, qualora venisse confermato che si tratta di una protesi umana, potrebbe essere la chiave per risolvere un caso di persona scomparsa rimasto finora irrisolto.

“Potrebbe essere stato utilizzato in un animale domestico o in chirurgia umana, non lo sappiamo ancora, ma ci piacerebbe poter aiutare a risolvere un caso irrisolto e dare pace a qualche famiglia”, ha detto Lever pubblicando la foto di quanto trovato nello stomaco dell’animale e spiegando che il codice identificativo della placca risulta illeggibile perché è stato consumato dall’acidità nello stomaco del coccodrillo. Il personale ha discusso della scoperta con utenti e medici dei social media, ma la polizia non è ancora coinvolta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fermato in aeroporto con un lanciarazzi nella valigia si giustifica: “Era solo un souvenir”

prev
Articolo Successivo

Incubo al parco acquatico, gigantesca onda anomala travolge i turisti in piscina: 44 feriti

next