Se il prossimo Windows assomigliasse di meno a Windows 10 e di più al caro e vecchio Windows 7, vi piacerebbe di più? La domanda nasce da un’immagine postata su Twitter, che raffigura quella che è indicata come una versione futura del menu Start di Windows. Spicca la mancanza delle “live tile, quelle che molti chiamano colloquialmente “mattonelle”.

Oggetto del tweet è la “build 18947” di Windows 10, una versione di prova del sistema operativo di casa Microsoft scovata dal sito specializzato The Verge, e che sarebbe stata distribuita accidentalmente ai tester del programma Windows Insider. In realtà non avrebbe dovuto finire in mano loro, ma restare riservata al personale interno che lavora allo sviluppo della console Xbox.

 

La suddetta versione di test è sparita dai canali accessibili online, ma ormai è stata fotografata. La mancanza delle live tile è evidente. Il sospetto è che la release in questione sia destinata ai sistemi Windows Lite, quelli economici con processori ARM a cui stanno lavorando i produttori per rispondere all’avanzata dei Chromebook di Google, o alle console appunto.

Microsoft, interpellata dai giornalisti di The Verge, si è limitata a confermare che il chiacchierato software è stato pubblicato per errore, senza aggiungere dettagli che soddisfacessero la curiosità degli utenti. Considerato che le live tile non sono mai piaciute a molti utenti Windows, viene da chiedersi se davvero ci sia la possibilità di vedere un giorno tablet e dispositivi touchscreen con un’interfaccia utente più amichevole di quella “a mattonelle”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

WhatsApp sbarca su milioni di feature phone, cioè i telefonini vecchio stile

prev
Articolo Successivo

Apple acquisisce la divisione modem di Intel e diventa protagonista della 5G

next