Al Mise incontro sul futuro della sede di Napoli della multinazionale Whirlpool. Al tavolo è presente il ministro dello sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio. Davanti alla sede del ministero di via Veneto ci sono le delegazioni dei lavoratori della sede partenopea con magliette “Whirlpool Napoli non molla”.

La segretaria nazionale Fiom, Barbara Tibaldi, prima di salire al tavolo ha garantito ai lavoratori di Napoli che: “Se oggi questa deve essere la fine dell’estate, deve essere una fine dell’estate che permette a tutti di dormire la notte”. Secondo quanto trapela dal tavolo, Di Maio ha chiesto all’azienda di esporre le sue proposte, assicurando però che anche il Mise ha una sua piattaforma. “Abbiamo fatto i compiti a casa” ha detto, rivolgendosi ai sindacati, secondo quanto riferiscono presenti al tavolo. Poi la parola è passata all’ad Luigi La Morgia, responsabile delle operazioni industriali Whirlpool in Italia che sta adesso illustrando i vari scenari per ovviare la vendita. L’obiettivo sarebbe quello di evitare la vendita di Napoli almeno fino fino al 2021.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Como, scoperti due lavoratori in nero che percepivano reddito di cittadinanza: rischiano da uno a 3 anni. Per le aziende maxi-sanzione

prev
Articolo Successivo

Stagionali in Riviera: a caccia di un impiego tra zero riposi, orari impossibili e soldi fuori busta. I nostri colloqui con la telecamera nascosta

next