Se SpaceX ha fatto del trasporto spaziale l’elemento chiave dell’esplorazione planetaria, Blue Origin punta a costruire delle basi permanenti direttamente sulla superficie nostro satellite. La compagnia di Jeff Bezos, nata con l’intento di sviluppare capsule per il volo turistico sub-orbitale, negli ultimi anni ha affiancato al progetto di turismo spaziale quello di conquista lunare. Parlando alla International Space Development Conference, il fondatore di Amazon ha rivelato i dettagli della sua visione, che punterebbe a rendere la Terra un pianeta libero dalle industrie pesanti. “Oggi dobbiamo tornare sulla Luna, e questa volta è il momento di restarci” ha ripetuto più volte Bezos, dichiarando di voler fondare colonie lunari destinate alle attività industriali.

Nel progetto di Blue Origin, il materiale necessario alla costruzione degli insediamenti sarebbe trasportato grazie alla grande capacità di carico del lander Blue Moon. Bezos ha proposto una partnership pubblico-privato con la Nasa per sviluppare questo ambizioso progetto di colonizzazione, ma in caso di rifiuto si è già dichiarato disposto ad andare avanti con le proprie risorse o in collaborazione con altre nazioni. Ad esempio supportando la visione Moon Village promossa dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che da quasi cinque anni sta pianificando la costruzione di un insediamento lunare internazionale, utile sia come polo di ricerca che come supporto ai viaggi commerciali.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Luna, 50 anni fa lo sbarco – Le cose che non sapete (davvero) sulla missione dell’Apollo 11

prev
Articolo Successivo

Lo sbarco sulla Luna dimostrò che non ci sono confini. E ora ricominciamo a sognare

next