Nel quartiere di Passo di Rigano avevano ricostituito la loro roccaforte importanti esponenti della famiglia mafiosa degli Inzerillo, storica cellula criminale palermitana decimata da Totò Riina negli anni ’80, durante la seconda guerra di mafia. È uno dei particolari dell’inchiesta della Dda di Palermo che ha portato ad arresti e fermi. Gli esponenti della famiglia Inzerillo, costretti a rifugiarsi negli Usa, rientrati in Italia nei primi anni 2000, avevano ricostituito il clan anche grazie al ritrovato equilibrio con i vecchi nemici. Nelle intercettazioni, si sentono i principali membri, come Tommaso Inzerillo, discutere sulla riorganizzazione della cupola: “Il divieto era da allora, come ti stavo dicendo, è una situazione di mio cugino, che alcuni se ne stanno andando in America… Altri, per dirti che qua c’è, siamo tutti bloccati, siamo grandi. Ora vediamo, ora con questa morte (si riferisce a quella di Totò Riina, ndr)… Lo vedi se Dio ce ne scampi fosse morto mio cugino e Stefano (Bontade, ndr) restava vivo”. E l’interlocutore risponde: “Quello, vedi che li azzerava”, risponde l’interlocutore. “Minchia… MamàCento picciotti… Centoventi erano con lui”, commenta Inzerillo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, il ritorno degli “scappati” espulsi da Riina: 19 arresti tra Palermo e New York. Anche un sindaco

next
Articolo Successivo

Mafia, da Palermo a New York e ritorno: chi sono gli “scappati”. Sterminati da Riina, erano tornati a comandare

next