/ di

Marco Bova

Articoli di Marco Bova

Cosa Nostra - 13 giugno 2018

Droga, Trapani è la California di Cosa nostra: “Vigneti trasformati in campi di marijuana. Protetti da guardie armate”

Una piccola California nascosta tra le campagne trapanesi. Piantagioni di marijuana “controllate con una guardiania armata, anche di notte”. Tutelate dai patti con Cosa nostra e destinate ad arrivare nella Palermo by night. In pratica un business milionario. Ed è per proteggerlo che la notte del 31 maggio 2016 è stato ucciso Silvio Mirarchi, un maresciallo […]
Mafie - 18 agosto 2017

Mafia, attentati inventati e rivelazioni su Messina Denaro copiate dai giornali: le false accuse del pentito Tuzzolino

“La vera vittima delle propalazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Tuzzolino è proprio la giustizia”. Il gip del tribunale di Caltanissetta, Antonia Leone, non ha dubbi: l’ex architetto agrigentino arrestato agli inizi di agosto con l’accusa di calunnia è un “bugiardo patologico“. Il lavoro della Squadra Mobile nissena ha azzerato l’attendibilità del pentito, architetto massone […]
Mondo - 23 agosto 2016

Turchia, l’attivista italiano espulso: “Erdogan bombarda i curdi con barili incendiari, nessuno deve sapere”

«In Turchia la polizia è fuori controllo. I curdi del Pkk sono le principali vittime e per stanarli non esitano a bombardarli con barili incendiari». A dirlo è Claudio Tamagnini, attivista politico di 63 anni, originario di Alcamo (Sicilia) arrestato in Turchia il 25 luglio e liberato dopo dieci giorni di detenzione a Nusaybin. «Sono […]
Mafie - 7 giugno 2016

Diffamazione, assolto il giornalista Giacalone. Definì boss “pezzo di merda”

Un giornalista può apostrofare come «un gran bel pezzo di merda» un mafioso. A stabilirlo è stato il Tribunale di Trapani che ha assolto Rino Giacalone – già collaboratore del Fatto Quotidiano e noto per la sua attività in Libera – dall’accusa di diffamazione a mezzo stampa. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico Gianluigi […]
Cronaca - 4 gennaio 2016

Trapani, “respingimento differito” per 196 profughi. Poi il dietrofront delle istituzioni

Prima i provvedimenti di “respingimento differito”, poi il trasferimento nuovamente all’interno dell’hotspot di Trapani. Una trama che sta coinvolgendo 196 migranti (provenienti da Gambia, Senegal, Nigeria, Burkina Faso e Pakistan) sbarcati lo scorso 28 dicembre a Palermo. In seguito al fotosegnalamento, gli ufficiali di polizia hanno notificato loro un provvedimento di “respingimento differito”. Il provvedimento […]
Giustizia & Impunità - 14 dicembre 2015

Trapani, inchiesta su coop dell’accoglienza migranti tra politica e mafia

Centri d’accoglienza chiusi inaspettatamente e pedine importanti nei consigli di amministrazione delle coop. E’ quanto emerge dalle indagini che da oltre un anno stanno scandagliando l’intero sistema di gestione dei centri per migranti in provincia di Trapani. L’inchiesta viene condotta dalla Procura di Trapani, con il coordinamento del procuratore capo Marcello Viola e dei sostituti Paolo […]
Strage di via d’Amelio, Fiammetta Borsellino: “Disonestà da parte di chi doveva cercare la verità”
Dell’Utri, il tribunale di sorveglianza dispone una nuova perizia medica

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×