Nessun veto dei Cinquestelle alla flat tax, ma vanno trovate le coperture. E tra queste non può esserci il taglio degli 80 euro introdotti dal governo Renzi. “Io non sono affezionato agli 80 euro, ma quelli non erano soldi di Renzi, quelli sono soldi degli italiani e se si dice ai cittadini ‘ti tolgo 80 euro’ per fare la flat tax o peggio ‘ti aumento l’Iva‘ per fare la flat tax, per me questo è inaccettabile“, ha chiarito il vicepremier Luigi Di Maio, parlando a margine dell’inaugurazione dell’Hub di Poste Italiane a Bologna. Da settimane ormai il capo politico M5s ribadisce come stia aspettando ancora dalla Lega un piano per finanziare la misura fiscale: “Se si vuole fare la flat tax ben venga, l’unica cosa che non ho visto ancora sono le coperture”, ha nuovamente sottolineato. Lunedì Matteo Salvini ha convocato le parti sociali al Viminale proprio per illustrare loro la flat tax in compagnia dell’ex sottosegretario Armando Siri.

“L’unica cosa che non voglio è che si tolga da una parte per mettere dall’altra”, ha spiegato Di Maio. Quindi niente addio agli 80 euro e ovviamente nessun aumento dell’Iva. “Il tema – ha proseguito il ministro del Lavoro – è quando arrivano le coperture su una proposta fondamentale come la flat tax che, se permettete, non è nostra ma sosteniamo perché nel contratto di governo, per una volta le coperture le deve trovare la Lega e non noi”.

Il M5s invece è concentrato sul salario minimo e su “una legge di bilancio di fine anno realistica che abbassi le tasse e che aumenti gli investimenti in Italia”. “Per me – ha aggiunto Di Maio – bisogna iniziare dall’abbassamento del cuneo fiscale agli italiani, che significa permettere agli imprenditori di poter assumere più persone”. Il capo politico dei Cinquestelle ha infine difeso il salario minimo: “Non posso accettare che si dica ch sia una proposta per chi non paga le tasse. Chi guadagna 2-3 euro o 4 euro all’ora paga le tasse in Italia, solo che è sfruttato, non è un lavoratore. Fare il salario minimo significa anche aumentare la contribuzione“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio lancia il “Team del futuro”: “12 persone, facilitatori del M5s. Nuovo modello di azione sul territorio”

prev
Articolo Successivo

Alitalia, Toninelli: “Non abbiamo cambiato idea. Accettato Atlantia perché dobbiamo salvare posti di lavoro”

next