Sailor Moon diventerà un film. S’intitolerà Eternal (o meglio Pretty Guardians Sailor Moon Eternal The Movie), sarà nei cinema nel 2020 e verrà diviso in due parti. Il manga con protagonista la ragazzina guerriera con la divisa della scuola che negli anni novanta ha spopolato prima tra i lettori del fumetto e poi è diventato anime di culto anche in Italia nella versione animata televisiva, avrà la sua extended version su grande schermo come mitologia vuole.

Lo ha annunciato la Toei Animation durante l’Usagi Birthday Party 2019 lanciando una sorta di presentazione delle protagoniste come fossero dei titoli di testa (o di coda) del futuro film.  Cinque le stagioni televisive di Sailor Moon viste in Italia sui canali Mediaset più il rilancio sempre a firma Toei nel 2014 con una nuova serie divisa in tre stagioni arrivata in Italia e amata alla follia da ragazzi e non solo. Un’operazione che era riuscita a convincere anche i fan della prima ora dell’anime, tanto che Toei ha deciso di farne un film che coprirà l’arco narrativo di Dead Moon Circus, la stagione arrivata in Italia con il titolo Il Circo della Luna Spenta. Regia di Chiaki Kon – già a capo di Saylor Moon Crystal-, sceneggiatura di Kazuyuki Fudeyasu e supervisione della creatrice storica del personaggio, Naoko Takeuch, Eternal vedrà anche il ritorno delle doppiatrici storiche delle giovani eroine vestite alla marinaretta. Anche i personaggi resteranno identici agli originali: Sailor Mercury, Sailor Mars, Sailor Jupiter, Sailor Venus e la Principessa Serenity, oltre alla protagonista Bunny.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Quando gli italiani sfondarono il fronte nemico a Caporetto”: l’errore in un libro per le scuole. Donazzan: “Testo ritirato dal mercato”

next
Articolo Successivo

Fernando Corbatò, addio al padre del pc e inventore della password

next