Del resto anche l’allora direttore del Dis Alessandro Pansa in un rapporto consegnato al Copasir il 6 agosto 2018 aveva sottolineato come i tweet contro Mattarella non avessero niente a che fare con il Russiagate, come era invece stato ipotizzato da diverse testate E già all’epoca era emerso come gli investigatori avessero collegato la creazione del primo account allo “snodo dati” di Milano.

Gli accertamenti che il pm Eugenio Albamonte ha affidato alla polizia postale, riporta l’Agi, sembrano dunque puntare su un’organizzazione italiana. La Procura di Roma ha avviato una rogatoria con le autorità Usa nella speranza che Twitter fornisca l’elenco di tutti i profili e i relativi indirizzi IP, per risalire all’identità di chi li ha creati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Gratteri: “Renzi mi disse ‘sarai mio ministro, hai carta bianca’. Poi mi telefonò Delrio, Napolitano non mi voleva”

next
Articolo Successivo

Articolo Uno, a Roma l’Assemblea nazionale: “Ricostruire la sinistra partendo dal lavoro”

next