Di fronte al pubblico di ‘Liguria D’Autore’ a Montemarcello (Ameglia, La Spezia) il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, in dialogo con Peter Gomez e Gianluigi Nuzzi ha ripercorso i giorni della formazione del governo Renzi, nel 2014, quando l’allora segretario del Pd lo aveva cercato per proporlo come ministro della Giustizia. “Parlammo di giustizia e riforme per quasi tre ore. Io ero convinto che le riforme che proponevo non sarebbero mai passate, ma Renzi mi assicurava che avrebbe combattutto arrivando a garantirmi carta bianca al Ministero”. L’accordo sembrava fatto, ricorda il magistrato, ma mentre le consultazioni al Quirinale si protraevano a lungo, il magistrato si rende conto che probabilmente: “Stavano litigando per me”. Poche ore dopo Graziano Delrio, che lo aveva messo in contatto con Renzi, lo richiamerà per confermare i suoi sospetti: “Napolitano non la vuole perché la considera un pm troppo caratterizzato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Renzi presenta i comitati civici: “Non siamo una corrente”. I militanti: “Noi oltre il partito, Zingaretti lavori”

next
Articolo Successivo

Attacchi social a Mattarella, per i pm di Roma nessuna regia di “troll russi” contro il Quirinale dopo stop a nomina Savona

next