Per oltre un’ora ha messo in allarme Roma, minacciando di gettarsi dal Colosseo. Sotto di sè, ambulanze, soccorritori, vigili del fuoco e una folla di curiosi coi telefoni all’insù. Il 50enne, responsabile di un’agenzia turistica, protestava contro le nuove regole contro l’abusivismo di chi fa promozione della città senza “titolo abilitativo”. Alla fine l’uomo è stato portato in salvo e, come ha chiesto, accompagnato in Campidoglio dall’assessore al Personale, Antonio De Santis, per un colloquio (l’amministrazione, in ogni caso, ha ribadito che non farà passi indietro sul provvedimento). Ciò che ha sorpreso, tuttavia, è il comportamento di alcune delle persone (molte, per la verità) che in coro hanno gridato al 50enne: “Salto, salto”. E che quando si è sfilato dai due pompieri sulla scala pronti a metterlo in salvo, hanno applaudito e gli hanno tributato una sorta di ovazione.

Video Instagram

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verona, la polizia ha fermato 3 senzatetto per la brutale aggressione al clochard romeno di Villafranca

next
Articolo Successivo

Marina di Massa, il fulmine si abbatta sulla spiaggia: il momento dell’impatto, poi il forte boato

next