Prima una scarica di pugni, poi il calcio allo sterno. “Devi calà (devi scendere, ndr), hai capito? Vai via!”. Così un autista del Cotral, la società dei trasporti su gomma della Regione Lazio, ieri sera ha cacciato in malo modo un uomo presumibilmente di origini africane. L’episodio è accaduto nella serata di lunedì, intorno alle 22, al termine della corsa Ferentino – Stabilimento Fca (cancello 4) di Piedimonte San Germano, provincia di Frosinone. Secondo quanto raccontato da alcuni autisti in una chat riservata – in cui il video della rissa ha iniziato a girare – il passeggero avrebbe cercato di salire ripetutamente a bordo del mezzo Cotral nonostante questo fosse fuori servizio. Una versione di parte, per il momento. In realtà, a quanto comunica la società regionale, il bus in quel momento fuori servizio si apprestava ad andare al cancello 1 per riprendere la corsa. Sempre a quanto si apprende, subito dopo l’episodio è stata chiamata un’ambulanza che ha medicato le (lievi) ferite riportare dal ragazzo.

A stretto giro dalla pubblicazione del video, è arrivata una comunicazione ufficiale di Cotral Spa: “Il comportamento dell’autista che ha malmenato un passeggero nel tentativo di farlo scendere dal bus è inaccettabile e l’azienda ha già attivato l’iter disciplinare previsto in queste circostanze. Cotral respinge con forza ogni forma di violenza, anche perché da una prima ricostruzione e dei fatti e dalle immagini del video apparso in rete si evince chiaramente che l’autista non si trovasse in alcuna situazione di pericolo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, blitz della polizia contro l’estrema destra: arrestato il leader di Legio Subalpina e perquisiti altri militanti

prev
Articolo Successivo

Parma, rituali e pestaggi per obbligare le donne a prostituirsi: 9 arresti. Alle vittime promettevano lavoro in Italia

next