Se Urbano Cairo, durante la presentazione dei Palinsesti La7 sottolinea come gli ascolti “abbiano superato Retequattro e siano ormai vicinissimi se non alla pari con Italia 1”, interviene subito la Rete Mediaset con un comunicato stampa per snocciolare alcuni dati. Retequattro supera La7 “anche se non è diretta concorrente” non solo nelle 24 ore, ma anche in prime time

“Nell’ultimo mese, dal 9 giugno al 9 luglio, registra una media del 5.04% di share in prima serata con una crescita del +16.7% rispetto all’estate 2018. – spiega la nota Mediaset – Considerando i risultati dei singoli programmi in onda nella fascia oraria 21.30-24.00 Retequattro cresce d’ascolto fino al 5.4% con un vantaggio ancora più largo (+1.3 punti). E infine: “Anche guardando all’intera primavera 2019 (i cinque mesi da marzo a luglio) il vantaggio di Retequattro, volendo fare un confronto, resta più che nitido con uno share del 4.8%, superiore di 0.5 punti”. 

“Questi risultati sono effetto di una serie di nuove proposte estive e del mantenimento in onda di titoli forti del canale. Attualmente Retequattro è infatti la Rete generalista con il maggior numero di produzioni originali in onda.- spiega il direttore Sebastiano Lombardi – E a conclusione di stagione, la Rete segna un nuovo passo avanti in termini di creatività, identità e posizionamento. Caratteristiche perfette per presentarsi in prima linea alla ripresa d’autunno”. 

I nuovi programmi sono: “Fuori dal coro” di Mario Giordano (9.1% di share) e “I Legnanesi” (miglior puntata al 5.9% di share). Sono ancora in onda i titoli di punta come “Dritto e Rovescio” (miglior puntata al 9.2% di share), “Quarto Grado” (8.6% di share), “Quarta Repubblica” (7.1% di share) e “Freedom” (7.0% di share). “Stasera Italia Estate” è leader dell’informazione in access prime time (miglior puntata all’8.3% di share).

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palinsesti La7, Urbano Cairo: “Giletti con noi per due anni. La Clerici? Non devo salvarla io. No a Miss Italia”

prev
Articolo Successivo

Fabio Fazio, la Rai fa chiarezza: “Compenso ridotto del 10-15%, eventuali nuovi impegni non avranno costi extra”

next