Diciassette anni in scena e non sentirli. Riccardo Cocciante con il cast storico dell’opera moderna “Notre Dame de Paris”, ha presentato oggi al Teatro Gerolamo di Milano il nuovo tour, al via dal 13 settembre. Non mancano i nomi storici della produzione come Giò di Tonno (Quasimodo), Vittorio Matteucci (Frollo), Leonardo Di Minno (Clopin), Matteo Setti (Gringoire) e soprattutto nel ruolo della protagonista femminile Esmeralda la new entry Elhaida Dani, vincitrice della prima edizione del 2013 di  “The Voice Of Italy”. Cocciante era proprio il suo coach quell’anno.

Il cantautore e autore delle musiche del celebre musical, ha raccontato le emozioni e le sensazioni che ha provato in seguito al terribile incendio che ha colpito una delle cattedrali più amate del mondo, lo scorso 15 aprile. “Quando succede qualcosa di grave torniamo insieme. Questa è la nostra forza. Ed è quello che è successo dopo la tragedia del rogo della cattedrale con la decisione di riprendere il tour. – spiega Cocciante – C’è da dire che, subito dopo i fatti, ci hanno chiesto di cantare per la raccolta fondi, ma abbiamo tutti insieme preferito non farlo per un fatto di eleganza. Non volevamo approfittarne e ci siamo tirati fuori da qualsiasi tentativo di speculazione. Era giusto si muovessero le istituzioni, cosa che è avvenuta”. 

“Notre Dame de Paris” è la storia tormentata di Quasimodo, il campanaro gobbo della cattedrale e del suo amore tragico e impossibile per la bellissima zingara Esmeralda. Un amore condannato dall’ingiustizia e dall’ipocrisia. “Victor Hugo nel 1831 ha pubblicato una storia attualissima. – conclude Cocciante – Si basa tutto sul sentimento, ma anche su fatti sociali. Lo scrittore ha messo in evidenza la storia della diversità, in cui ci si trova nella difficoltà di vivere al margine della società perché diversi. In un certo senso tratta temi attualissimi ancora oggi se si pensa all’immigrazione”. 

L’opera musicale è stata vista da quattro milioni di persone solo in Italia. Il debutto nella sua versione originale francese risale al 16 settembre 1998, al Palais des Congrès di Parigi, e da lì è partito tutto, attraversando 23 Paesi in tutto il mondo con oltre 5.000 spettacoli e oltre 13 milioni di spettatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

John Massa, c’è un sassofono italiano che ci fa girare il mondo

next