Tra Kill Bill e un qualsiasi wuxiapian. Il trailer del remake live action di Mulan targato Disney rimescola le carte del dejà vù e sembra scostarsi un pochino dall’originale animazione del 1998. Nel ruolo di Mulan è Liu Yifei, la 32enne attrice di origine cinese, ma negli Stati Uniti da quando ha 10 anni, che si ritaglia così un importantissimo ruolo internazionale dopo parecchio cinema di genere in Cina, interpretando la guerriera che prende il posto del padre nell’esercito dell’imperatore pronto a difendere la Grande Muraglia dall’invasione degli unni.

Nel cast del nuovo film Disney che uscirà al cinema nel 2020 c’è anche l’attore esperto di arti marziali Donnie Yen, ma soprattutto i veterani Gong Li e Jet Li. Alla regia la neozelandese Niki Caro affermatasi per aver diretto La ragazza delle balene (2002) poi North Country – storia di Josey (2005) con Charlize Theron e infine La signora dello zoo di Varsavia (2017). La Caro, come segnala Variety, è la seconda regista a dirigere un film Disney – l’altra è l’afroamericana Ava DuVernay con A wrinkle in time (2018) – con un budget di oltre 100 milioni di dollari.

Il primo Mulan uscì 21 anni fa, nel 1998, e l’eroina protagonista venne doppiata da Ming-Na Wen che poi bissò nel 2004 con il secondo capitolo della saga, e che avremmo poi rivisto nei panni della dottoressa Jin-Mei in ER. A fronte di un budget di 90 milioni di dollari il primo Mulan ne incassò oltre 310. Un notevole successo considerata l’atipicità di storia e personaggi rispetto al fatato mondo Disney che nel 1991 aveva offerto un campione d’incassi come La bella e la bestia che veleggiò sui 420 milioni al box office.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Insomma, sulla Luna ci siamo stati o no?

prev
Articolo Successivo

Rip Torn morto, è scomparso l’attore di Man in Black

next