Il libro Cosa Nostra spiegata ai ragazzi è stato presentato in anteprima internazionale alla XVIII edizione del Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare (Ba). Salvatore Borsellino ha ricordato il fratello Paolo e dei sentimenti che animano oggi il suo agire, sentimenti di rabbia per l’atteggiamento dello Stato e di amore come quello trasmessogli da Paolo. Ha parlato dei motivi che lo hanno spinto, prendendo il testimone da suo fratello, ad incontrare i ragazzi delle scuole e, soprattutto, ha ricevuto ufficialmente dal presidente della Commissione Parlamentare antimafia Nicola Morra la notizia che gli atti relativi alla strage di via D’Amelio saranno desecretati il 19 luglio, giorno dell’anniversario dell’attentato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosa Nostra, Salvatore Borsellino: “Paolo è morto con la speranza nel cuore. Solo i giovani possono cambiare il paese”

next
Articolo Successivo

Comuni sciolti per mafia, lo studio: sono 249 in 18 anni, il record in Calabria. “Ma troppo arbitrio al governo”

next