Morgan ha denunciato in Procura a Monza il nuovo proprietario della sua ex casa di Monza, colui che se l’è aggiudicata all’asta dopo il pignoramento del Tribunale. Tramite il suo legale Roberto Iannacone, il cantante ha fatto sapere che l’acquirente si è detto disponibile a rivendergliela ma gli ha chiesto oltre il doppio dell somma da lui pagata all’asta. Motivo per cui Morgan si è sentito vittima di un tentativo di speculazione:  “Vuole rivendermela per 500 mila euro da dare subito, oltre il doppio di quanto pagato all’asta”, ha detto all’Ansa.

“Morgan aveva offerto a questa persona un surplus per riavere la sua abitazione”, ha spiegato il suo avvocato, “grazie all’aiuto di alcuni amici avrebbe potuto riavere un immobile che per lui rappresenta il lavoro di una vita”. Ma “l’aggiudicatario dell’asta ha rifiutato, chiedendogli oltre il doppio e Morgan ha detto no. Vuole capire se questa condotta ha rilevanza penale“, ha continuato Iannacone, “si è sentito vittima di un tentativo di speculazione e vuole evitare che ciò possa accadere ad altri”.

La prima casa va tutelata, la legge è totalmente dalla parte di chi specula comprando all’asta, di chi pignora, la legge mette una corda al collo di chi viene mandato via”, ha aggiunto Morgan che si è detto addolorato per aver dovuto lasciare la sua casa “piena di libri, poesie sui muri e strumenti”, il cantautore ha detto che “i magistrati che dicono ‘è la leggè si nascondono dietro a meccanismi burocratici anti-umani”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, la presidente Ama filma un ristoratore che accatasta i rifiuti in strada. Passa Hugh Grant e le strappa il telefono

next