Scontro in Aula durante il question timetra il deputato di Sinistra italiana-LeU, Nicola Fratoianni, e il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sul caso Sea Watch. “Ieri l’ho visto livido in volto”, ha iniziato in modo provocatorio il deputato, chiedendo sia perché, nonostante la Libia non sia considerata un porto sicuro, non avesse autorizzato lo sbarco, sia chi avesse “ordinato alla motovedetta di frapporsi la banchina e la Sea Watch”.
Parole alle quali ha replicato il vicepresidente del Consiglio: “Eccoli i veri colpevoli, i finanzieri. In maniera inaudita hanno tentato di difendere le leggi e i confini del Paese”, ha tagliato corto sarcastico. Per poi precisare: “Lo sbarco era stato autorizzato per la mattina dopo, per questo è inaccettabile la sporca battaglia politica fatta sulla pelle di 40 persone: una sporca battaglia politica”, ha insistito Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Camera, Fdi vuole dress code per le deputate: “Sembra Montecitorio beach”. Presidenza: “Mai violazioni”

next
Articolo Successivo

Incontro sindacati-governo, Landini: “Positivo il tentativo di dialogo”. Ma conferma il no a flat tax e salario minimo

next