Prevedere possibili problemi spesso è un modo per limitarli. È sulla base di questo presupposto che Sita e Swissport hanno deciso di  sfruttare tecniche informatiche predittive al fine di migliorare i servizi aeroportuali. Sita è uno dei maggiori fornitori di soluzioni IT per l’industria del trasporto aereo, mentre Swissport è un’azienda specializzata nei servizi aeroportuali di terra. Insieme hanno realizzato un modello grazie al quale compagnie aeree, aeroporti, fornitori di servizi di terra, dati su voli, sui bagagli, sui tempi di attesa e altro, siano condivisi. Una volta che tutte le informazioni sono radunate nello stesso database, è possibile sviluppare software con capacità predittiva su ogni viaggio e prevenire eventuali irregolarità.

Dall’organizzazione dello staff in tempo reale, a disposizioni per prevenire i ritardi e servizi di consegna bagagli porta a porta, il modello intende rendere le operazioni sempre più efficienti, a beneficio dell’esperienza di volo dei passeggeri. Sergio Colella, Presidente di SITA Europa, spiega che “già oggi gli operatori del settore lavorano in maniera collaborativa […] Tale collaborazione deve diventare ancora più stretta […] Il nuovo modello consente di sfruttare il potere dei dati per decisioni più consapevoli e intelligenti e benefici reali per i passeggeri”.

Cristoph Kleinsorg, chief information officer di Swissport, aggiunge che “dopo aver costruito un’infrastruttura IT all’avanguardia, Swissport ora può digitalizzare ulteriormente i suoi processi di business, valorizzando ancora di più i servizi che offriamo ogni giorno a oltre 850 compagnie aeree nostre clienti”. L’accesso al database condiviso dei dati è rapido e semplice, e l’idea è di trasformare questo progetto in un formato standard per la condivisione sicura di dati fra tutte le aziende coinvolte, arricchendo i flussi di dati per l’analisi predittiva.

Le aziende stanno anche lavorando con una serie di compagnie aeree e aeroporti per capire come utilizzare la tecnologia blockchain per condividere in modo sicuro questi dati di interesse comune.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samsung l’ha ammesso: il Galaxy Fold è stato annunciato prima che fosse pronto

prev
Articolo Successivo

Intesa Sanpaolo, interrotti da 24h i servizi online. E i clienti? Problemi loro

next