Disagi per i viaggiatori che hanno scelto di raggiungere le spiagge di Minorca, Mikonos e Kos con i voli Blue Panorama in partenza dall’aeroporto Orio al Serio di Bergamo. Decine di passeggeri nelle scorse ore si sono trovati a fare i conti con voli cancellati e ritardi da record.

Il primo caso ha coinvolto 160 passeggeri del volo per Minorca: programmato per le 13.30 di domenica 30 giugno, è stato annullato dopo 30 ore di attesa per un guasto tecnico. Le persone sono state spostate su un altro volo e sono riuscite a partire solo in serata, 36 ore dopo il previsto.

Chi invece aveva prenotato il volo per Mikonos delle 5 della mattina del primo luglio, non è riuscito a imbarcarsi prima delle 18, con 14 ore di ritardo. Le 11.45 era invece l’orario previsto per la partenza del Bv2606 diretto in un’altra isola greca, Kos, ma l’aereo è partito solo dopo le 19, quasi 8 ore dopo .

Le partenze ritardate non si sono esaurite con i voli diretti sulle tre isole. A questi si sono aggiunti, sempre il primo luglio, il volo per Pantelleria e quello per Reggio Calabria con ritardi di 2 ore e quello per Tirana che dalle 19.15 previste per la partenza non è decollato prima della mezzanotte.

Una serie di problemi che la compagnia Blue Panorama ha giustificato con l’attesa dei pezzi di ricambio per due aerei che si erano guastati contemporaneamente. L’aeroporto di Orio, dal quale dovevano partire i voli, ha fatto sapere di aver provveduto a a garantire l’assistenza necessaria a tutti i passeggeri e che tutti i ritardi non sono stati causati dall’aeroporto, ma da problemi tecnici della compagnia. Alcuni dei turisti, spazientiti e innervositi dalla gestione degli episodi, hanno protestato su Twitter: “Aspettiamo per un anno il giorno delle vacanze… e poi possono accadere anche questi intoppi…”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Patronaggio (pm Agrigento): “Sbarchi fantasma sono vero pericolo. Alcuni terroristi entrati dalla Sicilia”

prev
Articolo Successivo

Rifiuti a Roma, Ama al lavoro per tamponare emergenza. Compattatori all’opera in diverse zone della capitale

next