Due giovani di 26 anni sono morti la notte scorsa sulla Tangenziale Nord di Milano, all’altezza di Cinisello Balsamo, dopo che un suv ha travolto la moto su cui stavano viaggiando. Il conducente dell’auto, 45 anni, è stato arrestato dalla polizia stradale di Arcore con l’accusa di omicidio stradale. E’ risultato anche positivo all’alcol test: aveva una percentuale di alcool nel sangue superiore di cinque volte rispetto a quella consentita. Le vittime si chiamavano Nicolò Moraschini e Federico Vasile e viaggiavano su una Harley Davidson. Il 45enne invece guidava una Chevrolet Captiva: entrambi i veicoli sono andati distrutti, il che dà anche l’idea della violenza dell’impatto.

L’incidente è avvenuto poco dopo le 22. La polizia stradale è al lavoro per ricostruire la dinamica. I primi dati dicono che la Chevrolet guidata dal 45enne si è prima scontrata con un furgone che la stava precedendo e poi sia finita contro la moto dei due ragazzi. Il personale medico e paramedico del 118 – intervenuto anche con un elicottero – ha constatato il decesso sul posto per uno dei due giovani, il passeggero, mentre si è rivelata inutile poco dopo la corsa all’ospedale San Carlo per l’altro ragazzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, l’ultimo video di Carola Rackete dalla nave: “Ho deciso da sola di entrare in porto”

prev
Articolo Successivo

#FreeCarola, la campagna di solidarietà alla capitana della Sea Watch. Da Lerner a Cecilia Strada: “Rispettate leggi del mare”

next