Gli sportivi attenti al monitoraggio dell’attività fisica potrebbero essere interessati al nuovo smartwatch Huawei Watch GT Active, un prodotto pensato più per gli amanti dello sport che per chi vuole notifiche di mail e telefonate. È una variante del Huawei GT già provato ed è in vendita a un prezzo di 249 euro: una cifra importante, ma tutto sommato in linea con quanto offerto. Offre un display ben leggibile, autonomia soddisfacente, monitoraggio preciso delle attività e design apprezzabile. Per contro, questo prodotto è poco adatto al pubblico femminile, dato che la cassa è piuttosto grossa (46 millimetri). Mancano i supporti per eSIM, Wi-Fi e NFC.

Il sistema operativo proprietario Lite OS tiene al riparo il prodotto dai possibili problemi con Android, l’essenzialità delle sue funzioni aiuta a prolungare l’autonomia, anche se non si possono scaricare decine di app.

Design e schermo

I materiali costruttivi scelti per il Watch GT Active sono di buon livello: la cassa da 46 mm è realizzata in acciaio inossidabile con la base in policarbonato, mentre la ghiera è in ceramica e il cinturino in fluoroelastomero, un materiale elastico e flessibile con una trama “zigrinata” che evita un’eccessiva aderenza con la pelle. Il modello di prova era di colore arancione, sono disponibili anche le varianti Dark Green, White e Black. Il cinturino si stacca per la pulizia e per l’eventuale sostituzione.

Le dimensioni di 46,5 x 46,5 x 10,6 millimetri, e il peso di 46 grammi, non lo rendono un orologio adatto a tutti: chi ha il polso piccolo, come le donne, non lo trova confortevole sia per le dimensioni eccessive che per il peso. In compenso può fronteggiare qualsiasi situazione, dato che è impermeabile fino a 5 atmosfere e monitora 11 attività sportive, che vedremo tra poco.

La ghiera ha solo una funzione estetica perché non ruota, l’interazione con il sistema avviene tramite i due pulsanti sul lato destro del quadrante. Questo è costituito da un display touchscreen di forma circolare da 1,39 pollici. È realizzato con tecnologia AMOLED e visualizza una risoluzione di 454 x 454 pixel. È facilmente leggibile all’aperto grazie a un’intensa luminosità, riproduce neri assoluti e beneficia di un ottimo il trattamento oleofobico, che evita di evidenziare le ditate.

Purtroppo non offre la modalità Always-On, che visualizza l’orario anche a schermo spento, e che su un prodotto del genere sarebbe utile. Per sapere che ora è si deve far ruotare il polso in modo da accendere lo schermo.

Software, funzionalità e autonomia

La comunicazione del Watch GT Active con lo smartphone avviene tramite l’applicazione Huawei Health, disponibile sia per Android sia per iOS. Da qui si possono attivare le notifiche per la ricezione di messaggi e chiamate, ma con queste ultime non si può interagire.

Sempre tramite l’app si possono cambiare le Watch Face (il quadrante dell’orologio), consultare i dati sincronizzati con l’orologio, stabilire obiettivi, decidere le notifiche da ricevere, visualizzare i grafici settimanali o mensili. L’app è intuitiva e durante i test non abbiamo avuto problemi nel reperire ciò che ci occorreva.

Le attività che si possono monitorare sono: corsa guidata, corsa all’aperto, corsa al chiuso, passeggiata all’esterno, alpinismo, passeggiata crosscountry, bicicletta all’aperto, cyclette, nuoto al chiuso, nuoto all’aperto, triathlon. Prima di iniziare un’attività è possibile attivare il monitoraggio. Il tracciamento risulta abbastanza preciso, così come il GPS, e i dati vengono sincronizzati con l’applicazione da dove è possibile consultare tutti i dettagli. Quando si attiva il monitoraggio dell’attività, non si ricevono notifiche. Presenti anche le funzioni per il tracciamento del sonno con dati precisi ed esaustivi sulla qualità e sulle varie fasi, e il monitoraggio della frequenza cardiaca. La sincronizzazione con app di terze parti è possibile solo con Google Fit e MyFitness Pal.

I sensori integrati sono accelerometro, lettore di frequenza cardiaca, sensore di luminosità, barometro, giroscopio e magnetometro. La connettività include Bluetooth 4.2 e GPS, GLONASS e GALILEO. Sono tutti strumenti funzionali alle attività di monitoraggio.

Sul fronte dell’autonomia, durante i test con monitoraggio della frequenza cardiaca sempre attivo, siamo riusciti a coprire due settimane con una sola ricarica. In questi casi molto dipende dall’uso: se si fa molto sport i risultati potrebbero calare un po’, ma di certo non sarà necessario ricaricarlo ogni giorno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Voti scolastici gonfiati e falsi diplomi, gli hacker fanno diventare tutti secchioni, basta pagare

prev
Articolo Successivo

La rete della NASA è stata violata con un mini computer da 35 dollari

next