“Desidero a nome dell’Italia dare il sostegno più convinto alla candidatura di Milano-Cortina per ospitare i Giochi, in un teatro alpino di straordinaria bellezza. L’Italia è pronta ad accogliere, facendo sentire a casa propria, tutti gli atleti confermando lo sport come simbolo di amicizia e fratellanza fra i popoli”. Con queste parole il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sostenuto la candidatura dell’Italia per i Giochi olimpici invernali del 2026. Lo ha fatto in un videomessaggio proiettato a Losanna, dove il Comitato olimpico internazionale (Cio) dovrà scegliere la sede dei Giochi. Il capo dello Stato si augura che “il mondo olimpico coglierà l’opportunità di vivere un’esperienza eccezionalmente positiva nel 2026 a Milano e Cortina”.

Insieme alle dichiarazioni di Mattarella, sono tante le figure istituzionali che da Losanna hanno sostenuto la candidatura italiana, mostrandosi fiduciosi sulla decisione del Cio. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha detto di non riuscire a immaginare un Paese “più appropriato. Questo sogno olimpico non è solo il sogno di due città, è il sogno di un intero Paese, il nostro Paese. Non soltanto il governo, ma anche le Regioni e le città sono pienamente determinate a sostenere questo progetto con tutte le garanzie necessarie”. Conte ha poi ricordato il motto della candidatura italiana, “Dreaming together”, ribadendo “l’entusiasmo, la dedizione e l’impegno di tutta Italia”.

Nell’incontro di oggi, il presidente del Comitato olimpico nazionale italiano, Giovanni Malagò, ha promesso al Comitato olimpico tutte “le garanzie per quanto riguarda la sicurezza, l’antidoping e le strutture”. “Oggi ci prendiamo un impegno. Milano-Cortina saranno i Giochi di tutti, dagli atleti, agli spettatori, agli stakeholder. Sviluppando e rafforzando il marchio dei Giochi Olimpici. Vogliamo diffondere positività per le persone che hanno disabilità, per questo vogliamo essere una start-up in questo senso. Per questo abbiamo il sostegno dell’83% degli italiani e l’87% a Milano”, ha concluso.

“È andata benissimo, abbiamo avuto un rispetto dei tempi svizzero per cui anche una bella figura dal punto di vista dell’organizzazione e poi direi che le domande sono state precise e utili e le nostre risposte sono state altrettante precise”. Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha commentato la riunione tecnica di questa mattina con i delegati del Cio. “Spesso i membri Cio che sono intervenuti con le domande hanno parlato di ‘presentazione magnifica”.

Il sottosegretario con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, ha sottolineato l’esperienza dell’Expo e gli studi delle università Bocconi, La Sapienza e Cà Foscari, che hanno documentato l’importante “impatto economico di una manifestazione come le Olimpiadi per l’economia delle città e delle Regioni e per il turismo non solo di Cortina ma di tutte le Alpi italiane”. Ha assicurato infine il supporto di “tutti i partiti politici in parlamento, dalla maggioranza all’opposizione”, affermando che “il governo ha esaudito tutte le richieste di garanzie finanziarie che riguardano sicurezza, ospitalità e servizi logistici”.