Per la prima volta in questo Mondiale di calcio femminile in Francia, le Azzurre guidate da Milena Bertolini potranno essere seguite sulla prima rete della tv pubblica. Martedì 18 su Rai1 sarà infatti trasmessa alle 21 la partita che si terrà a Lille contro il Brasile. La Nazionale verdeoro finora ha ottenuto una vittoria (all’esordio contro la Giamaica, per 3 a 0) e una sconfitta contro l’Australia che ha rimontato un iniziale 2 a 0 (partita terminata 3 a 2).

L’Italia cercherà di ottenere la terza vittoria consecutiva, dopo la partita d’esordio in cui è riuscita a superare al 95esimo proprio la formazione australiana per 2 a 1 e la solida prova contro la Giamaica terminata 5 a 0. Nonostante le azzurre siano già qualificate per la fase successiva, è importante cercare di terminare il girone come prime per assicurarsi un ottavo di finale contro un’avversaria meno temibile. Per raggiungere questo obiettivo sarebbe sufficiente un pareggio contro la squadra brasiliana. Ma vincere aiuta a vincere ed è ciò che serve per essere pronte per le prossime partite, tutte decisive, come sostiene la centrocampista Manuela Giugliano: “Ero consapevole della nostra forza, ora facciamo paura a tutte e dobbiamo guardare avanti”.

Negli altri gironi invece, tra le squadre che hanno raggiunto gli ottavi di finale c’è la Nazionale di casa, la Francia partita da favorita. Lunedì sera alle 21 gioca contro la Nigeria per consolidare il primo posto nel girone A. Nel gruppo B è in testa la Germania mentre Giappone e Inghilterra si contenderanno la prima posizione del loro girone mercoledì 19. Così come Paesi Bassi e Canada faranno per il gruppo E giovedì 20. A dominare il gruppo F è infine la seconda favorita dopo le padrone di casa, la squadra statunitense, che sfiderà la Svezia giovedì 20 in una partita che anche in questo caso sarà decisiva per determinare con quale piazzamento passeranno le due squadre alla fase successiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesco Totti, l’addio polemico alla Roma: “Tenuto fuori da tutto, mai coinvolto”

prev
Articolo Successivo

“Michel Platini arrestato in Francia per corruzione”: l’accusa riguarda l’assegnazione dei Mondiali 2022 al Qatar

next