La sentenza è attesa in autunno e tra i 12 imputati, di cui 9 in carcere, c’è anche Oriol Junqueras, l’ex vicepresidente della Generalitat nonché eurodeputato, che rischia 25 anni per ribellione. Perché per la Procura di Madrid l’organizzazione del referendum sulla secessione e la successiva dichiarazione di indipendenza della Catalogna è stato un vero e proprio colpo di Stato. Il verdetto del Tribunale supremo arriverà dopo l’estate, ma gli imputati hanno già in mente di appellarsi alla Corte europea dei diritti umani. Per quattro mesi i giudici hanno esaminato il ruolo degli imputati, tra leader e attivisti catalani, nell’ottobre del 2017. Junqueras, nella sua dichiarazione finale, ha affermato che “votare e difendere la repubblica non può essere considerato un crimine“, e poi ha lanciato un appello a “tornare alla politica“, perché la questione dell’indipendenza della Catalogna non può essere affrontata in un tribunale.

Lui è il principale imputato, in assenza dell’ex presidente del governo catalano, Carles Puigdemont, che è fuggito in Belgio. E anche lui, come Junqueras, è appena stato eletto europarlamentare. Oggi, per l’udienza finale, si sono alternati in aula tutti e 12 i leader indipendentisti alla sbarra, tra i quali la ex presidente del parlamento catalano Carme Forcadell e i leader della società civile Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, promotori del referendum secessionista del primo ottobre 2017. E tutti hanno fatto appello ad una soluzione politica. Secondo Jordi Sanchez “non è stata una giornata di violenza”, ma “un atto di protesta e disobbedienza“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Sea Watch soccorre 52 persone davanti alla Libia. Salvini: “È pirateria. Grazie a dl Sicurezza bis non entrano”

next
Articolo Successivo

Tunisia, il rifugio di chi scappa dalla Libia. ‘Io incinta dopo gli stupri nei lager’: ora Isatu deve decidere se tenere il bambino

next