Senatore della Repubblica da marzo 2018, eletto governatore della Sardegna un anno dopo, “in missione” dal momento della sua candidatura alle regionali, almeno a leggere il registro presenze di Palazzo Madama. Il segretario del Partito sardo d’azione Christian Solinas è uno e trino. Illegittimamente. Secondo l’articolo 122 della Costituzione italiana, Solinas non può ricoprire contemporaneamente il ruolo di presidente sardo e di parlamentare. Tutto da analizzare, inoltre, il suo rapporto con l’aula del Senato. A fare in conti in tasca è stato l’osservatorio civico Openpolis, che ha messo insieme i dati delle sue presenze in parlamento. Il quadro che emerge merita molte spiegazioni, perché da quando Salvini lo ha scelto per governare la Sardegna il senatore Solinas è sempre in missione. Ilfattoquotidiano.it ha provato a contattarlo più volte: lui ha visionato i nostri messaggi, ha letto qual era il tema delle nostre domande, non ha mai risposto né fornito chiarimenti. La legge, tuttavia, parla chiaro.

Incompatibilità – Senatore e governatore? Non si può
Il primo dato che emerge dall’attuale attività politica del leader del Psa, eletto al Senato grazie all’accordo del suo partito con la Lega di Salvini, è incontrovertibile: Solinas non può essere al tempo stesso parlamentare e governatore regionale. Lo dice l’articolo 122 della Costituzione italiana: “Nessuno può appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento, ad un altro Consiglio o ad altra Giunta regionale, ovvero al Parlamento europeo”. Il tutto per evitare possibili conflitti di interesse. Chi si trova nella posizione di ricoprire un doppio incarico deve scegliere quale poltrona tenere. Complice un iter burocratico lentissimo e farraginoso, però, capita che i politici continuino a ricoprire i due ruoli anche dopo la scadenza prevista dalle norme. È proprio il caso di Christian Solinas. “Ho sessanta giorni di tempo dalla proclamazione per formalizzare la mia scelta” ha detto il governatore-senatore il 9 aprile in un’intervista a Sardinia Post, occasione in cui ha fatto sapere di aver comunicato in forma scritta alla presidenza del Senato le proprie dimissioni. Da allora a oggi, però, non è successo nulla e Solinas riveste sempre il doppio, incompatibile incarico. Anche le date smentiscono il temporeggiatore sardo. Eletto alla guida della Regione a febbraio e proclamato presidente il 20 marzo scorso, i sessanti giorni sono scaduti a fine maggio. Non solo. L’alleato di Salvini ha sempre detto che avrebbe fatto il fatidico passo indietro una volta completata la sua giunta di governo. Operazione politicamente non semplice, che in effetti ha richiesto molto più tempo del previsto. La nuova squadra, tuttavia, ha visto la luce lo scorso 8 maggio. Ma Solinas non si è ancora dimesso, almeno ufficialmente. La sua scheda, del resto, fa ancora bella mostra di sé sul sito istituzionale di Palazzo Madama.

Poco presente significa molto assente? No: in missione
Anche nella sua veste di senatore della Repubblica, inoltre, Solinas riesce a diramare il suo impegno in molteplici incarichi: è contemporaneamente vicepresidente del gruppo “Lega-Salvini premier-Partito sardo d’azione“, membro della Commissione Bilancio e vicepresidente della Commissione Antimafia. È logico pensare che cotanti impegni richiedano una presenza fissa a Roma. Per Solinas non è così: molto spesso preferisce ottemperare al suo incarico dall’esterno del palazzo. Lo dicono i dati. È sempre Openpolis a fare i conti della serva: da inizio legislatura, Christian Solinas risulta esser stato presente al 56,46% delle votazioni elettroniche, in missione al 33,67% e assente solo per il 9,87% delle volte. Questi dati, però, raccontano solo una parte della realtà. Il politico sardo è stato uno dei più presenti in aula dall’insediamento del nuovo parlamento fino a metà novembre. Poi succede qualcosa: diventa ufficialmente il candidato del centrodestra a matrice leghista nelle regionali sarde. Da allora ad oggi, è missione continua. Spulciando i dati delle presenze, da fine 2018 ad oggi (tra campagna elettorale e attività amministrativa), Solinas è stato presente in aula per le votazioni solo in 7 occasioni, appena 4 da quanto è diventato governatore (19, 20 e  21 marzo, 18 aprile). Il resto sono solo missioni. A questo punto va specificato il funzionamento del sistema. Come spiegato da ilfattoquotidiano.it a gennaio 2017, per esentarsi dal lavoro ed esserci sulla carta, agli onorevoli basta un fax: l’Ufficio di Presidenza autorizza, il Servizio Assemblea passivamente registra, nessuno controlla. Con un vantaggio, per il missionario, non da poco: visto che si tratta a tutti gli effetti di una “assenza giustificata“, il parlamentare in questione – scrive Openpolis – “non subisce alcuna decurtazione della diaria (un rimborso delle spese di soggiorno a Roma che ammonta a 3500 euro al mese per i senatori e a 3690 euro per i deputati)”.

I voti di Solinas negli ultimi mesi e le missioni recenti
Molto interessante, inoltre, la precisione chirurgica scelta da Solinas negli ultimi tempi: dai registri di Palazzo Madama, infatti, il governatore è risultato presente quando si è trattato di votazioni strategiche per il governo gialloverde. C’era quando si è trattato di votare l’autorizzazione a procedere nei confronti del vicepremier Matteo Salvini, c’era il giorno della votazione sulla mozione di sfiducia contro il ministro Toninelli, c’era eccome quando il Senato è stato chiamato ad esprimersi sul Documento di economia e finanza (Def). Insomma: Solinas c’era quando era importante esserci. A Roma, come a Cagliari. Qui il 4 giugno scorso il governatore ha incontrato i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil per – ipse dixit – “decidere insieme come affrontare subito le emergenze della Sardegna”. Nelle stesse ore, a Roma l’aula del Senato era a lavoro. E il senatore Solinas? Ufficialmente in missione, ubiquo. Il 5 giugno, poi, il governatore ha riunito la sua giunta e approvato una serie di provvedimenti importanti. Mentre lui firmava delibere a Cagliari, a Palazzo Madama c’era la seduta. E il senatore Solinas? In missione, ovviamente. Il 6 giugno non si hanno notizie di lui: parla, dichiara, firma, ma non si sa dov’è. Unica certezza i soliti registri del Senato: l’onorevole presidente è naturalmente in missione. Da governatore, per la gioia dei sardi e con buona pace di chi lo ha eletto al Senato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pensioni d’oro, Calderoli: “Abbiamo tagliato quelle dei dipendenti del Senato dal 15 al 40%”

prev
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, ddl costituzionale approvato al Senato: 180 sì. Ora resta solo il voto finale alla Camera

next