Dalla fine della guerra con lo Stato islamico, le autorità irachene hanno arrestato o si sono fatte consegnare dalle formazioni curde o da altre forze filo-occidentali circa 20.000 persone sospettate di avere legami col gruppo terrorista. Di queste, 4000 sono “foreign fighters” provenienti da 80 paesi. Almeno 450 sono francesi.

In totale, sono state già inflitte oltre 3000 condanne a morte.

La “giustizia dei vincitori” non va per il sottile: processi di massa, avvocati d’ufficio del tutto impreparati, procedure sommarie e rapide, prove estorte sotto tortura, scambi d’identità, verdetti automaticamente confermati in appello. Le ultime condanne, riguardanti sette cittadini francesi, sono state emesse la scorsa settimana.

Di nuovo torna la domanda: che fare? I “foreign fighters” europei dovrebbero essere processati nel paese in cui sono stati arrestati o, dopo essere stati rimpatriati, nel paese di origine?

Da un lato vi è chi afferma che, arruolandosi nello Stato islamico per combattere anche contro i paesi in cui sono nate, queste persone abbiano di fatto “rinunciato” alla cittadinanza e vadano lasciate al loro destino. Se processate in Europa, verrebbe loro risparmiata la pena di morte e, sostiene questo punto di vista, dopo qualche anno tornerebbero in libertà e operative sul suolo europeo.

Dall’altro, i gruppi per i diritti umani parlano di una vera e propria “esternalizzazione” dei processi. Human Rights Watch, ad esempio, ha dichiarato che “la Francia non dovrebbe rimanere a guardare mentre suoi cittadini vengono processati in un paese in cui il diritto a un processo equo e quello a non subire torture sono inesistenti”.

L’Iraq farebbe, in sostanza, un favore alla Francia e ad altri paesi europei. Ma per farlo avrebbe chiesto – la fonte è il New York Timesun milione di dollari per imputato. Un bel giro di soldi.

La rappresentante speciale per l’Iraq delle Nazioni Unite, Jeannine Hennis Plasschaert, ha ricordato che gli stati di origine “hanno la responsabilità primaria di assicurare che i loro cittadini siano trattati nel rispetto del diritto internazionale”, aggiungendo che “sarebbe auspicabile che questi stati li riprendessero, li processassero e si occupassero della loro deradicalizzazione”.

Vi è infine chi sostiene la posizione “né a Baghdad né a Parigi”: sui crimini dello Stato islamico dovrebbe indagare un tribunale internazionale, unico strumento che potrebbe assicurare una giustizia imparziale e neutra.

Il governo di Parigi ha assunto una posizione di mezzo: gli imputati francesi siano processati in Iraq ma venga loro risparmiata la pena di morte.

Prima degli ultimi verdetti, il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian ha dichiarato a France Inter Radio che “si stanno moltiplicando gli sforzi per evitare le condanne a morte”. Se avranno successo, lo sapremo tra meno di 30 giorni. In ogni caso, la domanda “che fare?” si riproporrà la volta successiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Israele, raid contro postazioni siriane a sud di Damasco: 10 morti. Netanyahu: “È risposta a lancio di razzi sul Golan”

prev
Articolo Successivo

Regno Unito, iniziata la visita di Trump. Il presidente Usa contro sindaco di Londra: “Io esempio di minaccia? È un perdente”

next