E’ di pochi giorni fa l’intervista rilasciata a Libero nella quale Morgan ha annunciato di essere prossimo allo sfratto: “Trovo pazzesco non avere la possibilità di poter rimediare. Vengo trattato alla stregua di un assassino a cui viene tolta la libertà per sempre. (…) Vorrei chiedere scusa alle persone a cui ho fatto del male. Ma vorrei chiedere un’ultima possibilità per poter recuperare la mia casa. Non la lascerò facilmente, anche se il 5 dovrebbero arrivare i Carabinieri”.

E nella lunga intervista, il cantante si era rivolto anche ad Asia Argento per un aiuto. Ora l’attrice risponde: “Marco non ha perso casa per colpa mia, ma per le scelte che ha fatto e soprattutto per quelle che non ha fatto. Oggi cerca di fare passare me come la causa principale di tutti i suoi guai, ma omette di dire che dalla vendita della sua casa andranno ad Anna Lou (nostra figlia) soltanto 6mila dei 160mila euro di debiti accumulati in questi anni per l’omesso versamento degli assegni di mantenimento”. Queste le parole dette all’Agi dalla Argento, assistita dall’avvocato Samantha Luponio. “Mi dispiace – ha aggiunto l’attrice – che Marco abbia individuato me come capro espiatorio per le sue scelte dissennate. Ho sperato con tutta me stessa in questi anni che l’iniziativa giudiziale che sono stata costretta a porre in essere potesse smuovere la sua coscienza e metterlo di fronte alle sue responsabilità; sarei stata pronta in ogni momento a venirgli incontro se solo lui avesse dato anche solo flebili segnali di resipiscenza”.

E infine, un auspicio per l’ex: “Mi dispiace che sembri rendersi conto della situazione soltanto adesso che le sue azioni hanno portato a conseguenze prevedibili per chiunque ma inimmaginabili per lui. Tuttavia meglio tardi che mai e se davvero questa volta ha preso coscienza della situazione e intende riprendere in mano la sua vita ed iniziare a fare la cosa giusta, sono pronta ad ascoltare quello che ha da dirmi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kit Harington, il Jon Snow di Trono di Spade ricoverato per stress e abuso di alcool

prev
Articolo Successivo

Caso Prati, Eliana Michelazzo: “Donna Pamela aveva modi bruschi e diceva “chiamo mio padre” alludendo ai legami con la criminalità organizzata”

next