Pare che nel giro di qualche anno Instagram imploderà. O comunque cambierà pelle, insieme a tutti gli altri social, quando diventeranno ancora più macroscopiche le conseguenze deleterie che i giochini di Mark Zuckerberg & Co stanno avendo sull’equilibrio psicofisico e sulla privacy delle persone. La via è già stata tracciata da grandi marchi come Lush e Unicredit, che hanno sapientemente deciso di alleggerire o annullare del tutto la propria presenza sulle piattaforme di condivisione.

Quello che succederà nessuno lo sa con esattezza. Ma possiamo provare a farci un’idea: ci sarà un esercito di creatori di contenuti/amministratori delegati del proprio blog/reporter vari/founder di hashtag in libera uscita. È probabile che, non avendo maturato competenze specifiche se non i cambi di filtro, molti di costoro si ritroveranno allo sbaraglio, in lacrime come la mitologica influencer a cui avevano chiuso il profilo su Instagram. Tutti quelli che hanno imparato a creare dei contenuti veri, invece, saranno in grado di reinventarsi.

Nel frattempo ci tocca continuare a dare le nostre pagelline (qui la prima e la seconda puntata). Sempre, come da abitudine, nel settore che ci compete, quello del travel.

Come si diventa travel blogger /3 – Le mie pagelle ai cinque più in vista

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Da Roccella Ionica a Vibo Valentia, in vela come in bici: stessa velocità, stessa lentezza

next
Articolo Successivo

Da Vibo Valentia all’Isola d’Elba, col nostro viaggio abbiamo ricucito il mare

next