di Lorenzo Giannotti

Un po’ di tempo fa, proprio qui, in un breve racconto avevo parlato del panorama politico desolante che circonda l’esistenza di quell’essere ormai mitologico, che risponde al nome di deluso di sinistra. Le Elezioni europee “più importanti della storia” sono ormai alle porte e fra undici giorni ci recheremo alle urne. Cosa farà il deluso di sinistra? Non voterà Lega. La lista dei motivi sarebbe troppo lunga da redigere, il rischio di finire tutto l’inchiostro sarebbe alto, e il tempo in questa breve e triste vita si fa tiranno. Comunque sia il nostro deluso di sinistra non voterà per il minestrone dell’Interno, scusate ministro!

Ci pensa e ci ripensa, ma il mitologico non voterà nemmeno il M5S. Spesso ambigui e alleati del Capitano, i 5S di recente hanno zampettato velocemente a sinistra, ma il dubbio di un cambio di direzione netto in virtù dell’emorragia di consensi descritta dai sondaggi è presente e fa valere il suo peso sul piatto della bilancia. Più Europa di Emma Bonino sì, ma con Philippe Daverio anche no. Scartata anche quell’ipotesi. La lista dei buoni motivi per non votare Giorgia Meloni e le sue zucchine subacquee sarebbe lunga tanto quanto quella sopraccitata della Lega.

Silvio Berlusconi, alla sua veneranda età, ce la mette tutta per non farsi da parte (quando?) e un premio sarebbe giusto e doveroso, ma non sarà il deluso di sinistra a conferirglielo. Il Partito Democratico di Nicola Zingaretti, che doveva cambiare pelle ai suoi e rivitalizzare con linfa nuova i dem, fra gli altri candida Carlo Calenda (non proprio l’idolo del deluso), Moretti, Picierno, Bonafè, e qui mi fermo. Farà anche tesoro dei voti portati da quel giovincello, le cui vesti sono ricoperte dalla patina di muffa della prima Repubblica, di Paolo Cirino Pomicino. Ma non potrà contare su quelli del deluso di sinistra.

Il deluso di sinistra sembra ormai avviato verso un’altra amara astensione. Ma non questa volta. Essendo io il narratore, il deluso di sinistra in questa piccola storia farà esattamente e molto democraticamente solo e soltanto quello che io vorrò. Il deluso di sinistra questa volta si accoderà agli accorati appelli di meno noti personaggi, ma pur sempre lodevoli, come Michela Murgia, Peppino Mazzotta e Domenico (Mimmo) Lucano. Sceglierà e forse darà fiducia a uno dei pochissimi uomini politici degni della sua stima: Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana. Sempre in prima fila, e sinceramente, contro le politiche governative sull’immigrazione ma anche e soprattutto sempre al fianco dei lavoratori! L’unico ad avere il coraggio di parlare di tasse sulle grandi ricchezze. Educato, mai spaccone in TV, e per giunta preparato. Un programma di sinistra, per un’Europa che ha bisogno di meno rigidità e austerità. Le efelidi alla sinistra del deluso sono migliaia, ma questa volta vale la pena premiarne una.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europee, a Milano la reunion di Renzi e Calenda. I due all’attacco di Lega e M5s: “Ora di restituire ceffoni”

prev
Articolo Successivo

Europee, andiamo in Ue a parlare dei 900 miliardi di evasione fiscale?

next