Dall’inizio di maggio ospedali e strutture mediche sono stati deliberatamente colpiti dai bombardamenti delle forze governative siriane, appoggiate da quelle russe, nelle zone di Idlib e Hama. Physycians for human rights ha ricevuto 18 segnalazioni, che nella metà dei casi ha potuto confermare direttamente.

L’escalation degli attacchi ha costretto a lasciare Idlib almeno 180.000 civili, che vanno ad aggiungersi al milione e mezzo di siriani che hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria. Secondo alcune testimonianze raccolte da Amnesty International, tra il 5 e l’11 maggio l’aviazione siriana ha colpito un ospedale ad Hass, uno a Kaferzita e due a Kafranbel: servivano un’utenza di 300.000 persone e ora sono completamente fuori servizio.

Questi attacchi sono avvenuti nonostante il personale medico avesse fornito le coordinate delle strutture tanto alle forze siriane quanto a quelle russe proprio per evitare i bombardamenti. Non è stata la prima volta in questi otto anni di conflitto: era già successo durante le offensive delle forze siriane per riprendere il controllo di Aleppo, di Daraa e della Ghuta orientale.

Si tratta di una vera e propria strategia di guerra: colpire chi soccorre e cura, impedire a chi ha bisogno di soccorsi e cure di accedervi. Il bilancio di otto anni di attacchi contro ospedali e strutture mediche in Siria è terribile: almeno 566 attacchi contro 348 obiettivi, quasi 900 operatori sanitari uccisi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Julian Assange, la Procura svedese chiede l’arresto per violenza sessuale. Primo passo per richiesta d’estradizione

prev
Articolo Successivo

Venezuela, basta a minacce e sanzioni dagli imperialisti Usa!

next