Dall’inizio di maggio ospedali e strutture mediche sono stati deliberatamente colpiti dai bombardamenti delle forze governative siriane, appoggiate da quelle russe, nelle zone di Idlib e Hama. Physycians for human rights ha ricevuto 18 segnalazioni, che nella metà dei casi ha potuto confermare direttamente.

L’escalation degli attacchi ha costretto a lasciare Idlib almeno 180.000 civili, che vanno ad aggiungersi al milione e mezzo di siriani che hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria. Secondo alcune testimonianze raccolte da Amnesty International, tra il 5 e l’11 maggio l’aviazione siriana ha colpito un ospedale ad Hass, uno a Kaferzita e due a Kafranbel: servivano un’utenza di 300.000 persone e ora sono completamente fuori servizio.

Questi attacchi sono avvenuti nonostante il personale medico avesse fornito le coordinate delle strutture tanto alle forze siriane quanto a quelle russe proprio per evitare i bombardamenti. Non è stata la prima volta in questi otto anni di conflitto: era già successo durante le offensive delle forze siriane per riprendere il controllo di Aleppo, di Daraa e della Ghuta orientale.

Si tratta di una vera e propria strategia di guerra: colpire chi soccorre e cura, impedire a chi ha bisogno di soccorsi e cure di accedervi. Il bilancio di otto anni di attacchi contro ospedali e strutture mediche in Siria è terribile: almeno 566 attacchi contro 348 obiettivi, quasi 900 operatori sanitari uccisi.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Julian Assange, la Procura svedese chiede l’arresto per violenza sessuale. Primo passo per richiesta d’estradizione

next
Articolo Successivo

Venezuela, basta a minacce e sanzioni dagli imperialisti Usa!

next