Salvini e la Lega chiamano a raccolta tutti i loro militanti in vista delle elezioni Europee. Dal palco di Milano, in una piazza Duomo non così gremita come si aspettava il leader del Carroccio, vengono scanditi slogan contro l’Europa e a favore del federalismo, manovra sempre cara ai leghisti del nord Italia. Fra chi viene dalla Sicilia e dice di ispirarsi all’amministrazione di Milano e chi dalle regioni storicamente più care alla storia leghista, i presenti credono al cambiamento imminente dell’Europa, ma allo stesso qualcuno di loro non disdegna la possibilità di abbandonarla.

Presente in piazza anche Carlo Calenda che ha parlato con alcuni dei presenti e ha criticato duramente la presenza dei leader europei alleati di Salvini: “Sul palco ci sono tutti quelli che vogliono il male dell’Italia. Le tesi di Salvini sono contraddittorie, non sa qual è il suo ruolo istituzionale”. In piazza, infine, trovano spazio anche i contestatori, che fischiano e mostrano cartelli all’indirizzo del leader leghista e della piazza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, M5s raccoglie le storie di chi l’ha ricevuto: “È un riscatto, nessuno deve restare indietro”

prev
Articolo Successivo

Salvini a Papa Francesco: “Bisogna fare, non parlare. I morti in mare sono diminuiti”. Fischi dalla piazza per Bergoglio

next