Nel monologo di apertura di Fratelli di Crozza, in prima serata sul Nove, Maurizio Crozza con la consueta ironia paragona un’opera del grande Monet con una rara foto di Matteo Salvini in ufficio: “Guarda che meraviglia questo è Claude Monet. È un quadro della serie de i Covoni ed è stato venduto questa settimana da Sotheby’s per 98 milioni di euro. È un dipinto preziosissimo, e allora anch’io vorrei mettere all’asta un’opera unica: un rarissimo ‘Salvini in ufficio’. Questo che vedete è un ‘odio su tela’ e appartiene alla serie ‘il Rompi-Covoni’. La base d’asta parte dalla modesta cifra di 49 milioni, praticamente un Salvini vale mezzo Monet. Credetemi questo è un pezzo che li vale tutti anche perché vedere Salvini alla sua scrivania è una perla inestimabile”.

Video Nove

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gioia Tauro, bidello uccide un gatto a bastonate davanti ai bambini: l’animale muore dopo un’ora di agonia

prev
Articolo Successivo

Spettatore ammazzato dalla poltrona del cinema: “Arresto cardiaco dovuto alla compressione del collo”

next