C’è l’ombra della camorra tra le ditte che stanno lavorando alla  demolizione del ponte Morandi, crollato il 14 agosto 2018 seppellendo 43 persone. Si tratta della Tecnodem S.r.l., ditta napoletana che  si occupa di demolizione di materiale ferroso e ha ottenuto 100mila euro di commesse in sub-appalto dalla Fratelli Omini, una delle società partecipanti all’Associazione temporanea di imprese scelta dalla struttura commissariale per abbattere i tronconi del viadotto sopravvissuti al collasso.

Le condanne di Varlese – La Dia di Genova ha notificato in mattinata alla Tecnodem un’interdittiva antimafia emessa dal prefetto Fiamma Spena perché l’azienda è ritenuta “permeabile di infiltrazione della criminalità organizzata di tipo mafioso”. L’amministratrice e unica socia della società è Consiglia Marigliano, consuocera di Ferdinando Varlese, pluripregiudicato napoletano domiciliato a Rapallo, che risulta anche tra i dipendenti della stessa ditta insieme ad alcuni suoi famigliari. Varlese è stato condannato nel 1986 dalla Corte d’Appello di Napoli per associazione a delinquere in un processo che vedeva tra gli imputati anche soggetti affiliati al clan Misso-Mazzarella-Sarno guidato da Michele Zaza e Ciro Mazzarella

I legami con il clan D’Amico – E tredici anni fa ha ricevuto un’altra condanna in secondo grado per estorsione tentata in concorso con l’aggravante mafiosa: un’episodio dal quale – sostiene la Direzione investigativa antimafia genovese in una nota – “si evincono in maniera circostanziata i legami di Varlese con il sodalizio camorristico D’Amico”, al quale il consuocero dell’amministratrice di Tecnodem “risulta legato da rapporti di parentela”. Sulla base di questi accertamenti, la Dia di Genova ha ritenuto che la società sia in una “condizione di potenziale asservimento” o “condizionamento” dei clan camorristici. 

La storia della Tecnodem – Lo scorso novembre, la società ha acquisito il ramo d’azienda principale della Eurodemolizione s.r.l., ditta della nipote di Varlese. A sua volta, la Eurodemolizione, nell’ottobre 2014, aveva acquistato lo  stesso ramo d’azienda dalla Varlese s.r.l. che era di proprietà dei figli del pluripregiudicato ora tra i dipendenti della Tecnodem di Consiglia Marigliano, la cui figlia ha sposato uno dei figli Varlese. Per gli investigatori, tra l’altro, l’amministratrice di Tecnodem non ha mai lavorato né ha esperienza specifica nel settore delle demolizioni. I passaggi societari, in sostanza, sono stati valutati dalla Prefettura di Genova come il tentativo di aggirare le verifiche antimafia nei confronti di Varlese, poiché la sua condanna è ritenuta ostativa dalle normative. 

Il “curriculum” di Varlese – La storia “criminale” di Varlese comprende anche diverse sentenze per lesioni, contrabbando e furto. E parentele “pericolose”: tre suoi nipoti (tutti figli della sorella) sono ritenuti elementi di spicco del clan D’Amico, egemone nel quartiere San Giovanni a Teduccio, dove la Tecnodem ha la sua sede. Ed è proprio con uno dei suoi nipoti che nel 2004 Ferdinando Varlese è stato condannato in primo grado a 3 anni e 3 mesi per tentata estorsione, poiché – secondo i giudici – avrebbero provato a costringere il titolare di un’impresa a cedergli le quote. La Dia, tra l’altro, ha ricostruito come nella catena di acquisizioni dalla Varlese s.r.l. fino alla Tecnodem, le tre imprese hanno avuto tra i soci o gli amministratori persone legate al pregiudicato che oltretutto pur non essendo registrato tra gli operai che operano nel cantiere del Morandi sarebbe entrato più volte presentandosi ai varchi come visitatore. Non potrà più farlo: in virtù dell’accordo stipulato da Fratelli Omini e Tecnodem, il contratto verrà sciolto.

Chiesta risoluzione contratto – La conferma è arrivata dallo stesso sito della struttura commissariale guidata dal sindaco Marco Bucci: “Dato il provvedimento interdittivo adottato dalla Prefettura nei confronti dell’impresa Tecnodem srl, la struttura commissariale ha provveduto a chiedere l’immediata risoluzione del contratto in essere all’Ati di demolizione, di cui la stessa azienda era un subappalto con incarico di “demolizione e bonifica di impianti tecnologici”, si legge sul portale, dove si sottolinea che “al provvedimento si è arrivati grazie all’efficienza dei controlli svolti puntualmente eseguiti nei confronti delle aziende che orbitano attorno al cantiere”. Una velocità riconosciuta anche dal ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che ringraziando la Dia spiega che è “la dimostrazione che ci controlli funzionano anche con procedure estremamente e semplificate”, grazie anche al protocollo d’intesa firmato dalla prefettura e dal commissario Bucci il 17 gennaio 2019 che ha esteso il regime delle informazioni antimafia a tutti i contratti nel cantiere indipendentemente da importi e durata.

Fratelli Omini: “C’era l’autorizzazione” – L’Ati, precisa una nota diffusa dalla capofila Fratelli Omini, “prima dell’inizio dei lavori aveva presentato alla committenza tutta la documentazione richiesta” e “prevista ai fini delle verifiche antimafia per ottenere il permesso al subappalto delle relative attività”. Una volta ottenuta l’autorizzazione, prosegue Fratelli Omini specificando che questa è soggetta a successiva verifica da parte della Prefettura, “sono stati consentiti gli ingressi in cantieri”. La Tecnodem risultava nella white list della prefettura.