Investimenti mafiosi nella produzione e nella distribuzione di caffè in un inedito asse tra Milano e Palermo. Questo l’esito di un indagine che ha portato a sei arresti per i reati di riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, trasferimento fraudolento di valori, tutti con l’aggravante mafiosa. I finanzieri hanno portato alla luce una organizzazione finalizzata a gestire gli investimenti della famiglia mafiosa dell’Acquasanta-Arenella dei Fontana di Palermo, i cui vertici – usciti dal carcere – si erano stabiliti a Milano.

Sono state inoltre sequestrate anche due società, la “Cafè Moka special di Pensavecchia Gaetano e c. snc” e la “Masai caffè srl”.  Secondo quanto riportato da Repubblica, le due società valgono un milione e mezzo di euro. Indagini bancarie e ricostruzioni patrimoniali hanno consentito di tracciare il rientro degli investimenti di capitali illeciti nella disponibilità dei Fontana, anche attraverso l’interposizione fittizia di diverse persone. Tra i sei arrestati c’è anche Rita Fontana, la figlia trentenne dello storico boss palermitano Stefano Fontana (morto nel 2012) e uno dei fratelli, Giovanni.

In manette è finito anche l’imprenditore Gaetano Pensavecchia. Secondo quanto ricostruito dalla guardia di finanza, era perfettamente a conoscenza delle dinamiche mafiose. Nelle intercettazioni diceva anche: “Ogni zona ha il suo parrino“. L’operazione è stata eseguita dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziario di Palermo in collaborazione con il Servizio Centrale Investigazioni sulla Criminalità Organizzata coordinati dalla locale Procura della Repubblica-Direzione Distrettuale Antimafia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, cugino di un boss pentito ucciso a colpi di pistola a Belmonte Mezzagno

prev
Articolo Successivo

Giovanni Falcone, il pm Di Matteo: “Delegittimato e calunniato in vita. Ucciso anche da uomini estranei a Cosa nostra”

next