Il leader della Lega Matteo Salvini è stato contestato al termine di un comizio ad Albenga, da un centinaio di manifestanti che hanno srotolato uno striscione con la scritta “restiamo umani“. Ci sono state urla, cori (“Salvini a lavorare”) e il rumore dei fischietti ha riempito la piazza. Poi sono state cantate ‘Bella ciao’ e ‘Fischia il vento’, inni partigiani.  “I compagni si sono guadagnati il biglietto per Sanremo” ha replicato il ministro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Comunali Sicilia, alle 12 affluenza per il ballottaggio ancora sotto 11%. Cinque punti sotto i dati del primo turno

prev
Articolo Successivo

Salone del libro, Padellaro: “Salvini non sgombera Casapound? O è complice dei fascisti o ha paura di loro”

next