Ebbene sì. La sentenza che più di altre attendevamo fosse definitivamente messa nero su bianco è arrivata: il nuovo album dei Tool ha finalmente una data di uscita ufficiale. Il 30 agosto. Dopo 13 anni, con un’attesa superiore solo al tanto vituperato Chinese Democracy, il prossimo disco in studio della band alternative metal più amata al mondo vedrà finalmente la luce. Dopo che il cantante Maynard James Keenan – fino a pochi mesi fa impegnato coi suoi A Perfect Circle – aveva pubblicamente spronato i compagni di band a far presto, e corretto sul filo di lana addirittura il batterista Danny Carey (il quale aveva azzardato indicando aprile quale mese utile per la release), finalmente il successore dell’ultimo 10,000 Days è sul punto di arrivare a tutti noi.

Non più tardi di domenica, la band non aveva mancato di tener fede alla prima di tante promesse lasciate cadere dal finestrino in queste settimane, proponendo dal vivo due inediti (Descending e Invincible) dallo stesso disco e spiazzando definitivamente i fan, ieri, proiettando direttamente dal palco il giorno e il mese della pubblicazione. Lo stesso Keenan, consapevole dell’hype giunto ormai ben oltre i livelli di guardia, ha invitato quindi i presenti a riprendere il tutto per condividerlo poi sui social, dando il via a quell’orgia di rimbalzi e urla cui parecchi non vedevano l’ora di prendere parte. E le sorprese non dovrebbero finire qui: perché sempre negli ultimi giorni il gruppo era comparso oltre che su Spotify (dove un profilo, seppur vuoto, era stato comunque creato in tempi non sospetti) anche su Apple Music: lasciando intendere come il catalogo vecchio e nuovo dei quattro sia prossimo a essere disponibile anche in streaming di qui a breve.

La domanda delle domande è comunque un’altra: cosa fa dei Tool la band che – se non altro – può vantare l’audience più paziente e devoto sulla faccia della terra? Sicuramente il fatto che si tratti, nel loro caso, di un gruppo non convenzionale: che dalla musica e le canzoni, passando per la cura dell’artwork e appunto le attese tra una pubblicazione e l’altra, compie sempre e comunque scelte fuori dall’ordinario. In tempi in cui artisti e gruppi di ogni estrazione pensano e scrivono per esautorare la memoria dei nostri smartphone, i Tool sono una delle ultime band analogiche artisticamente ancora in vita. Un collettivo ancor prima che un gruppo: un manipolo di terroristi per i quali, una volta di più, tutti noi dovremmo fare il tifo, per sovvertire – speriamo definitivamente – l’ordine naturale delle cose. In musica e non solo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coez, esce oggi il video del nuovo singolo ‘Domenica’. L’intervista: “Un brano leggero, diverso dal solito”

prev
Articolo Successivo

Giorgia a FQMagazine: “Il tema dell’ambiente è vitale e gli attacchi a Greta Thunberg sono il frutto della cultura social”

next