Può una delle serie tv più amate e meglio realizzate di tutti i tempi fare un errore così grossolano che nemmeno nei vecchi filmini delle vacanze al mare si poteva far peggio? Stando a vedere quanto accaduto in una scena della quarta puntata dell’ottava stagione di Game of Thrones, quella andata in onda in anteprima mondiale su HBO domenica notte, sì.

Nell’inquadratura è infatti comparsa una tazza di Starbucks. Il tipico bicchiere di cartone si è visto piuttosto bene, con logo e tutto, inquadrato insieme a Daenerys. Insomma, che c’azzecca una tazza ‘brandizzata’ in mezzo alle cornucopie? Possibile che nessuno, ma proprio nessuno, se ne sia accorto? Secondo Bernie Caulfield, uno degli executive producers della serie televisiva, si è trattato di un errore: “Ora sappiamo che Westeros è stato il primo posto al mondo dove si è registrata la presenza di un negozio di Starbucks“, ha scherzato con WNYC. E il commento di Starbucks sui social non si è fatto attendere:

Ovviamente ci si riferisce a una bevanda al gusto tropicale che è possibile ordinare da Starbucks e che starebbe effettivamente bene in GOT. Sui social le reazioni sono state moltissime, tra quelle dei semplici spettatori e le più elaborate, degli addetti ai lavori. Che sia una semplice operazione di product placement? Certo, a ben guardare sarebbe una delle più smaccate di sempre. A voi la scelta: meglio un errore gigantesco o una studiata operazione di marketing?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marco Masini e Ultimo, il duetto improvvisato in camerino tra birra (“comincia a fare effetto”) e stonature: il video

prev
Articolo Successivo

H&M, le nuove modelle hanno pancetta, smagliature e cellulite

next