Può una delle serie tv più amate e meglio realizzate di tutti i tempi fare un errore così grossolano che nemmeno nei vecchi filmini delle vacanze al mare si poteva far peggio? Stando a vedere quanto accaduto in una scena della quarta puntata dell’ottava stagione di Game of Thrones, quella andata in onda in anteprima mondiale su HBO domenica notte, sì.

Nell’inquadratura è infatti comparsa una tazza di Starbucks. Il tipico bicchiere di cartone si è visto piuttosto bene, con logo e tutto, inquadrato insieme a Daenerys. Insomma, che c’azzecca una tazza ‘brandizzata’ in mezzo alle cornucopie? Possibile che nessuno, ma proprio nessuno, se ne sia accorto? Secondo Bernie Caulfield, uno degli executive producers della serie televisiva, si è trattato di un errore: “Ora sappiamo che Westeros è stato il primo posto al mondo dove si è registrata la presenza di un negozio di Starbucks“, ha scherzato con WNYC. E il commento di Starbucks sui social non si è fatto attendere:

Ovviamente ci si riferisce a una bevanda al gusto tropicale che è possibile ordinare da Starbucks e che starebbe effettivamente bene in GOT. Sui social le reazioni sono state moltissime, tra quelle dei semplici spettatori e le più elaborate, degli addetti ai lavori. Che sia una semplice operazione di product placement? Certo, a ben guardare sarebbe una delle più smaccate di sempre. A voi la scelta: meglio un errore gigantesco o una studiata operazione di marketing?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Masini e Ultimo, il duetto improvvisato in camerino tra birra (“comincia a fare effetto”) e stonature: il video

next
Articolo Successivo

H&M, le nuove modelle hanno pancetta, smagliature e cellulite

next