“Diamo occasione di redimersi anche ai partiti che non hanno votato la legge “spazzacorrotti” in Parlamento. Non bastano solo le leggi per contrastare la corruzione: forse siamo gli unici in questo momento storico ad approvare questo principio. Ci aspettiamo una reazione delle forze politiche, contro una Tangentopoli mai finita”. Lo dice il vicepremier M5s Luigi Di Maio in conferenza stampa alla Camera assieme al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che aggiunge: “Come ministro della Giustizia non sono mai entrato nel merito delle varie inchieste per il rispetto dell’autonomia della magistratura. Mi preme però rilevare che, non solo le inchieste di oggi, dimostrano che la corruzione rappresenta ancora una piaga fondamentale e gravissima dell’Italia contro cui il governo continuerà a battersi come mai si è battuto nessun governo in passato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti, Buffagni (M5s): “In Lombardia sono stati arrestati gli amici di Salvini”. E attacca Repubblica

next
Articolo Successivo

Nino Caianiello, chi è “il capo del sistema feudale” per le nomine della politica. “Io sono il sole, la terra mi gira intorno”

next