Una signora, poco prima che Matteo Salvini iniziasse il comizio a Salerno, ha esposto dal proprio balcone di casa, su richiesta dell’Arci, uno striscione privo di simboli di partito o elettorali ma con la scritta “questa Lega è una vergogna“. Alcuni uomini della digos, come si vede nel video, hanno citofonato e, una volta entrati nell’abitazione, hanno chiesto alla proprietaria di togliere lo striscione “per evitare cause legali”, come lei stessa ha spiegato.

In realtà la disciplina che regola la propaganda elettorale recita che “l’affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti, inerenti direttamente o indirettamente alla campagna elettorale, o comunque diretti a determinare la scelta elettorale, da parte di chiunque non partecipi alla competizione elettorale ai sensi del comma precedente, è consentita soltanto in appositi spazi, di numero eguale a quelli riservati ai partiti o gruppi politici o candidati che partecipino alla competizione elettorale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tangenti a Milano, Greco: “Politica e imprenditoria colluse con cosche mafiose. Peggioramento con campagna elettorale”

prev
Articolo Successivo

Napoli, Noemi è in coma ma c’è chi ancora copre l’uomo che ha sparato

next