L’Anf: cos’è il sostegno al reddito per lavoratori dipendenti

L’assegno al nucleo familiare è un sostegno economico alle famiglie, corrisposto direttamente in busta paga, riservato a lavoratori dipendenti, pensionati, nonché a lavoratori assistiti dall’assicurazione contro la tubercolosi, ma anche a lavoratori dipendenti di ditte cessate o fallite. La somma a cui si ha diritto è decrescente per scaglioni crescenti di reddito familiare, calcolato sommando i redditi dei singoli componenti del nucleo. Il reddito deve provenire per almeno il 70% dal lavoro dipendente e per far parte del nucleo familiare non è richiesta la convivenza anagrafica. Conta anche il numero di figli e se questi sono inabili o meno. Quindi, per esempio, una famiglia con due figli, di cui almeno un minore, e un reddito di 17mila euro, prenderà un assegno mensile di circa 235 euro. Mentre per una stessa famiglia con un reddito però di 28mila euro e un ulteriore componente inabile a carico, la somma sarà pari a 310 euro. Non tutti i redditi devono però essere dichiarati per la richiesta dell’Anf. Ad esempio non vanno considerati i redditi derivanti dal trattamento di fine rapporto, gli assegni di mantenimento percepiti dal coniuge legalmente separato a carico del richiedente e destinati al mantenimento dei figli, ma anche gli arretrati di cassa integrazione riferiti ad anni precedenti a quello di erogazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assegno mantenimento post divorzio, si cambia: stop se convivenza o nuovo matrimonio e via tenore di vita acquisito

next
Articolo Successivo

Saipem, al via il processo per false comunicazioni: ecco come costituirsi parte civile per possibile risarcimento

next