Addio al vecchio modulo cartaceo per l‘assegno al nucleo familiare (Anf) da consegnare direttamente al datore di lavoro. Da aprile 2019 i lavoratori dipendenti beneficiari dell’Anf devono presentare la domanda esclusivamente per via telematica oppure tramite patronato. La nuova misura è stata decisa dall’Inps, effettivo ente erogatore delle somme di sostegno, e comunicata tramite la circolare n.45 del 22 marzo 2019. Sia i 2,8 milioni di beneficiari che già ricevono il sostegno e che entro il primo luglio dovranno ripresentare la domanda adeguandola ai nuovi redditi dichiarati per l’anno precedente sia i nuovi richiedenti dovranno procurarsi le credenziali di accesso al sistema dell’Istituto tramite Pin o Spid (Sistema pubblico di identità personale), oppure a rivolgersi ai patronati. Già sovraccaricati dalla gestione di Quota 100. Esclusi i lavoratori dipendenti del settore privato agricolo che potranno continuare a presentare la richiesta tramite modulo cartaceo consegnato in azienda. Ma vediamo nel dettaglio come funziona la misura di sostegno economico al reddito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it,
ABBIAMO BISOGNO DI TE

Su ilfattoquotidiano.it navighi gratis: ma il nostro lavoro ha un costo. E la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è bloccata, fatica a ripagarlo. Sostienici. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assegno mantenimento post divorzio, si cambia: stop se convivenza o nuovo matrimonio e via tenore di vita acquisito

next
Articolo Successivo

Saipem, al via il processo per false comunicazioni: ecco come costituirsi parte civile per possibile risarcimento

next