Addio al vecchio modulo cartaceo per l‘assegno al nucleo familiare (Anf) da consegnare direttamente al datore di lavoro. Da aprile 2019 i lavoratori dipendenti beneficiari dell’Anf devono presentare la domanda esclusivamente per via telematica oppure tramite patronato. La nuova misura è stata decisa dall’Inps, effettivo ente erogatore delle somme di sostegno, e comunicata tramite la circolare n.45 del 22 marzo 2019. Sia i 2,8 milioni di beneficiari che già ricevono il sostegno e che entro il primo luglio dovranno ripresentare la domanda adeguandola ai nuovi redditi dichiarati per l’anno precedente sia i nuovi richiedenti dovranno procurarsi le credenziali di accesso al sistema dell’Istituto tramite Pin o Spid (Sistema pubblico di identità personale), oppure a rivolgersi ai patronati. Già sovraccaricati dalla gestione di Quota 100. Esclusi i lavoratori dipendenti del settore privato agricolo che potranno continuare a presentare la richiesta tramite modulo cartaceo consegnato in azienda. Ma vediamo nel dettaglio come funziona la misura di sostegno economico al reddito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assegno mantenimento post divorzio, si cambia: stop se convivenza o nuovo matrimonio e via tenore di vita acquisito

next
Articolo Successivo

Saipem, al via il processo per false comunicazioni: ecco come costituirsi parte civile per possibile risarcimento

next