Addio al vecchio modulo cartaceo per l‘assegno al nucleo familiare (Anf) da consegnare direttamente al datore di lavoro. Da aprile 2019 i lavoratori dipendenti beneficiari dell’Anf devono presentare la domanda esclusivamente per via telematica oppure tramite patronato. La nuova misura è stata decisa dall’Inps, effettivo ente erogatore delle somme di sostegno, e comunicata tramite la circolare n.45 del 22 marzo 2019. Sia i 2,8 milioni di beneficiari che già ricevono il sostegno e che entro il primo luglio dovranno ripresentare la domanda adeguandola ai nuovi redditi dichiarati per l’anno precedente sia i nuovi richiedenti dovranno procurarsi le credenziali di accesso al sistema dell’Istituto tramite Pin o Spid (Sistema pubblico di identità personale), oppure a rivolgersi ai patronati. Già sovraccaricati dalla gestione di Quota 100. Esclusi i lavoratori dipendenti del settore privato agricolo che potranno continuare a presentare la richiesta tramite modulo cartaceo consegnato in azienda. Ma vediamo nel dettaglio come funziona la misura di sostegno economico al reddito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Assegno mantenimento post divorzio, si cambia: stop se convivenza o nuovo matrimonio e via tenore di vita acquisito

prev
Articolo Successivo

Saipem, al via il processo per false comunicazioni: ecco come costituirsi parte civile per possibile risarcimento

next