“Valorizzare i canali digitali proprietari per garantire un dialogo riservato e di alta qualità. In linea con questo impegno, UniCredit annuncia che a partire dal 1° giugno non sarà più su Facebook, Messenger e Instagram“. È questo l’ultimo messaggio postato da UniCredit sui social media, sui quali ha deciso di cambiare rotta. E con l’addio a Facebook, scrive l’agenzia Agi, la banca rinuncia completamente a due social network e alla piattaforma di messaggistica Messenger (tutti canali che fanno capo al gruppo di Menlo Park) per concentrare la comunicazione della propria attività sui propri mezzi digitali, il sito Internet, in primo luogo, ma anche email, telefono e chat.

Una decisione che arriva dopo lo stop degli investimenti pubblicitari sulla piattaforma di Mark Zuckerberg, avvenuto a marzo 2018 dopo lo scandalo di Cambridge Analytica. Motivo per cui alcuni mesi fa l’ad di Unicredit Jean Pierre Mustier aveva preso già le distanze dal social. “Prendiamo le questioni di business ed etica molto seriamente”, aveva dichiarato allora Mustier, “e abbiamo interrotto ogni interazione con Facebook perché non riteniamo che Facebook si stia comportando in modo appropriato ed etico. Unicredit come gruppo non sta utilizzando Facebook per ordine del Ceo e non lo utilizzerà fino a quando non avra’ un comportamento etico appropriato”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Bankitalia: “Economia italiana vulnerabile per l’alto debito, ma elevata resilienza anche grazie a ricchezza delle famiglie”

next
Articolo Successivo

Reddito, Serracchiani: “Secondo i dati Caf 130mila rinunceranno”. Ma quei dati esistono solo in un titolo del Messaggero

next