Il titolo di questa storia potrebbe essere “Davide contro Golia”. E’ la vicenda dell’antenna di Zelarino così come altre storie, considerate minori. Minori rispetto a cosa? Cosa c’è di più importante, ad esempio, per le madri che abitano in via Comboni rispetto al pensiero che venga attivato l’impianto di trasmissione? Cosa c’è di più importante della salvaguardia della propria salute? Questa è la resistenza di una piccola comunità. La resistenza quotidiana a qualcosa di grave deciso sopra le teste di quei cittadini.

Valentina Buzzo è una giovane mamma nata e cresciuta in via Comboni (prima dell’installazione dell’enorme struttura), ora in quella casa sono rimasti i genitori, anche loro peraltro hanno detto “no” alla richiesta di passaggio, inoltrata dalla società, per sistemare tutti i cavi che porterebbero energia elettrica per alimentare l’impianto. A leggere le carte  emerge come la faccenda non sia chiara. E del  resto le immagini del pennone che sovrasta le case, i giardini e i parcheggi a pochi metri dalle teste di quelle persone parlano da sole.

Valentina è stata molto chiara: “La nostra opposizione al passaggio dei loro mezzi pesanti, tra l’altro, è legittima poiché su quel tratto di strada – che peraltro è privata – è vietato l’accesso ai mezzi pesanti. Una prescrizione con tanto di cartello del Comune di Venezia collocato all’inizio della via”.

La società telefonica invece sostiene che quel tratto di strada sarebbe comunale e non privato e che pertanto “se i residenti si fossero in un futuro ancora interposti e avessero impedito il passaggio dei loro mezzi, avrebbero proceduto con denunce in sede penale e civile”.

 

Preoccupati, minacciati e soli. Si sentono così gli abitanti di via Comboni a Zelarino. E a loro non importa di sentirsi una storia “minore”. Vogliono ottenere giustizia e  soprattutto si aspettano che venga rispettato il loro diritto alla salute.

Ps: Non so quanto un post possa essere utile per smuovere le acque rispetto alla storia  di Valentina e le altre famiglie. Una cosa è certa, per altre storie “minori” scrivete all’indirizzo: e.reguitti@ilfattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecofuturo Tv, le innovazioni che pensano al pianeta: “Dal fotovoltaico al carburante, così tuteliamo l’ambiente”

next
Articolo Successivo

Greta Thunberg, prima di lei a lottare per l’ambiente era Giovanni Pascoli

next