Secondo episodio di EcofuturoTv, una trasmissione in otto puntate, per parlare di ecologia, ambiente e della salute del nostro pianeta. “Chi dice che per il Pianeta e per gli umani riconvertire l’economia lineare dello spreco all’economia circolare è un solo un costo, afferma una cosa inesatta e fa proprio il punto di vista dei petrolieri, dei cementificatori, dei produttori di usa e getta e di molti altri che hanno prosperato nell’economia dell’eccesso e dello sfruttamento. Noi di Ecofuturo vi dimostreremo -nelle otto puntate- che per tutti gli altri, ovvero per il 99% della popolazione, passare all’era delle rinnovabili, del riuso, del rispetto per l’ecosistema è un guadagno. E non indifferente – spiegano -. Si guadagna in libertà perché l’energia rinnovabile è democratica e non sarà più appannaggio di pochi potentati. Il fotovoltaico, per esempio, con gli accumuli, è l’energia meno costosa che si possa avere, meno cara persino di quella ottenuta dall’inquinante carbone. E ci si guadagna anche in stile di vita. Già perché utilizzando le ecotecnologie si vive in equilibrio con i ritmi naturali, riscoprendo piaceri nuovi senza negarsi quelli a cui siamo affezionati, ma non consumando solo per buttare, cibandosi in eccesso di alimenti poco sani, diventando, magari, obesi o allergici”.

Le otto puntate televisive –in onda ogni sabato dal 13 aprile nelle tv private italiane e dal 20 aprile sulle tv estere, con replica di domenica- ci accompagneranno alla sesta edizione di Ecofuturo Festival che si terrà sempre a Padova nella cornice del Fenice Green Energy Park a Padova dal 25 al 29 giugno 2019 e all’uscita della rivista “L’Ecofuturo Magazine”, da maggio 2019 in edicola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fridays for Future, la piazza di Greta per il clima. I ragazzi: “Il nostro impegno? Si parte con borracce e differenziata”

next
Articolo Successivo

Vivere con un’antenna di 33 metri vicino casa, la storia di una comunità che lotta contro il suo ‘Golia’

next