Manutenzione e riparazione delle proprie autovetture? Agli italiani è costata circa 32,1 miliardi di euro nel 2018. Il dato risulta da una stima fatta dall’Osservatorio Autopromotec (sotto il controllo di Autopromotec, rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico). Una cifra più alta del 3,7% rispetto alla spesa dell’anno precedente, quando il computo ammontava a 30,9 miliardi.

Secondo la ricerca, l’incremento sarebbe dovuto a tre fattori: l’aumento dei prezzi dei servizi di assistenza alle auto (+1,2%), calcolato sulla base di una media ponderata degli indici Istat dei prezzi per la manutenzione e la riparazione, per l’acquisto di pezzi di ricambio, accessori, pneumatici e lubrificanti. In secondo luogo, ci sarebbe l’incremento del parco circolante di autovetture, lievitato nel 2018 di un +1,3% rispetto al 2017. Infine, secondo Autopromotec, c’è da considerare “l’incremento della quantità di interventi di officina per le operazioni di manutenzione e di riparazione, che è stato dell’1,2%”.

L’effetto congiunto dei fattori di crescita della spesa per la manutenzione e la riparazione di autovetture ha determinato per gli italiani un esborso complessivo che, come si detto, è stato stimato dall’Osservatorio Autopromotec in 32,1 miliardi: “Una cifra di tutto rispetto che è andata a compensare l’attività delle oltre 83.000 officine di autoriparazione distribuite capillarmente sul territorio nazionale e dedite all’assistenza tecnica agli autoveicoli”.

Andando a osservare le statistiche degli anni precedenti, si evince che nel decennio 2008-2018 solo due volte la spesa complessiva ha superato i 30 miliardi di euro: nel 2011 e nel 2017, appunto. L’anno in cui gli italiani hanno speso meno per manutenzione e riparazione delle automobili è stato il 2013, quando la cifra totale è stata di 26,6 miliardi di euro. La variazione più grande, invece, si è verificata nel biennio 2011/2012: la spesa complessiva è calata da 30 miliardi a 26,9, facendo segnare un tonfo del -10,5%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consegnare merci nelle grandi metropoli. Una sfida sempre più complessa

prev
Articolo Successivo

Vacanze di Pasqua, e non solo. Traffico da bollino nero per lunedì 22 e giovedì 25

next